Tittipasticci presenta: Spaghetti alla conventuale. Il sapore della semplicità

Il nostro viaggio prosegue, e questa settimana ci fermiamo a Maiori, città che fondata dagli etruschi con il nome “Reghinna Major”. Dopo esser entrata a far parte della Repubblica Marinara di Amalfi, divenendo sede della Dogana, degli Arsenali e del fondaco del sale, crebbe come potenza economica. In questo periodo furono costruite fortificazioni e baluardi posti a difesa del territorio. Negli anni a seguire, Maiori fu conquistata da Saraceni e Normanni, che contribuirono alla crescita della città, incrementando attività quali la pesca e l’artigianato. Vi consigliamo di visitare la città per ammirare la Collegiata di S. Maria a Mare, la Chiesa e il Convento di S. Francesco, il Castello di S. Nicola del Thoro Plano, la Torre Normanna e per degustare i prodotti dell’agricoltura locale e delle zone limitrofe.

Il piatto di oggi racconta proprio queste eccellenze. Gli spaghetti “Alla Conventuale” si chiamano così dal modo di dire locale, che indica l’accontentarsi di ciò che passa il Convento. Si tratta di un piatto, dunque, realizzato con tutto ciò che si trova al moment in dispensa che, per fortuna, da questa parti non è mai davvero poco. Le dispense locali custodiscono, infatti, sapori, odori e segreti di una tradizione secolare, rappresentati da prodotti semplici da trovare, come le noci di Sorrento e le alici di Cetara, ingredienti di questo piatto, ideali per essere condivisi con gli ospiti in tutte le occasioni.

La ricetta: Spaghetti alla Conventuale

5 alici sott’olio 
50 ml d’olio extravergine d’oliva
20 g di pangrattato
10 noci
200 g di spaghetti
1 spicchio d’aglio
30 g di pecorino
Prezzemolo q.b.
Sale q.b.
Pepe nero q.b.

Procedimento

Tostare le noci per qualche minuto in una padella calda e tritarle; nella stessa padella tostare il pangrattato ed aggiungere il prezzemolo precedentemente sminuzzato e tenere il tutto da parte. In un’altra padella, versare l’olio d’oliva e far soffriggere l’aglio, aggiungere le alici e le noci tritare, cuocere per 10 minuti e togliere l’aglio e aggiungere un pizzico di sale e il pepe nero. In abbondante acqua salata cuocere gli spaghetti per 10 minuti, scolarli e saltarli nella padella del condimento, aggiungendo il pecorino. Formare un nido di pasta nel piatto, spolverare con il pangrattato tostato con il prezzemolo e decorare con un gheriglio di noci. Servire caldo.

Commenta