L’11 marzo, nell’ambito di MarzoDonna2017, attività informative e corsi promossi dalla Fondazione Evangelica Betania: Prendiamoci cura di noi, un workshop sulle patologie femminili

Sabato 11 marzo dalle ore 16, al PAN, il Palazzo delle Arti di Napoli, via dei Mille 60, medici e operatori dell’Ospedale Evangelico Betania saranno a disposizione delle donne per un’azione di sensibilizzazione ed educazione alla prevenzione delle patologie di genere più diffuse.

Prendiamoci cura di noi: dalla giovinezza all’età matura, dalla contraccezione alla menopausa, questo il nome dell’evento, è promosso dalla Fondazione Evangelica Betania (FEB) nell’ambito del programma MarzoDonna 2017, organizzato dal Comune di Napoli.

L’iniziativa, che rientra tra quelle sviluppate con i fondi dell’8×1000 destinati alla Chiesa Luterana e alla Chiesa Valdese e Metodista, è stata organizzata come un grande workshop, in stile americano, anche per consentire di avvicinarsi a questi temi alle donne più giovani, che generalmente sono frenate dall’imbarazzo. Ma ci sarà spazio anche per colloqui individuali.

Si comincia alle ore 16,00 con un momento di accoglienza e presentazione del tema – a cura della dr.ssa Cordelia Vitiello, Vicepresidente della Fondazione Evangelica Betania, affiancata dalla Mediatrice Culturale della FEB Emanuela Riccio – per entrare poi subito nel vivo con un momento informativo e indicazioni pratiche sulla contraccezione e la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili, a cura del personale sanitario dell’Ospedale Evangelico. Poi spazio alle domande dal pubblico. Alle ore 17.00 sarà dato spazio ad un altro aspetto molto sottovalutato: la patologia cervico-vaginale, nonché agli screening da eseguire come il Pap test e i vaccini. A seguire si parlerà di tumore della mammella, gli esami diagnostici e l’auto-palpazione. La giornata si chiuderà con la sensibilizzazione sulla menopausa, a cui molte donne arrivano impreparate e non sanno come viverla al meglio.

Afferma il Presidente della Fondazione Evangelica Betania Luciano Cirica

Sulle patologie di genere è stato fatto tanto, ma le azioni d’informazione e di sensibilizzazione, soprattutto per la promozione degli screening, sono ancora poche rispetto alle reali esigenze della popolazione. Tante, troppe donne, si rivolgono quotidianamente al nostro Ospedale con patologie di genere che potevano essere evitate con un’adeguata prevenzione o curate in tempo. E poi c’è la grande sfida delle donne immigrate, anche non in regola con il permesso di soggiorno, che sono tagliate fuori dalle attività istituzionali.

 

La Fondazione Evangelica Betania è in prima linea su questi temi da diversi anni attraverso due importanti progetti: “Prendiamoci cura di lei” e “Rose Rosa”, rispettivamente per la prevenzione oncologica, ginecologica e senologica a favore di donne straniere con disagi sociali, economici e burocratici che rendono loro impossibile l’accesso a prestazioni specialistiche e per l’assistenza ginecologica, ostetrica, psicologica e senologica anche favore di donne italiane che versano in particolari situazioni di indigenza.

Maddalena Venuso, nasce a Napoli e, sebbene viva a Marigliano, l'impronta della città natale le resta appiccicata come un francobollo. Poliedrica, fantasiosa, ricca di sfumature. Liceo Classico, Lettere Antiche, esperienza come Archeologa a Napoli e Pompei fino al 1994. Docente presso il MIUR dal 1994, insegna Italiano e Latino al Liceo Scientifico. Traduce la passione per l'archeologia in passione per il territorio, raccontando il gusto e le bellezze delle Terre di Campania e d'Italia. Giornalista indipendente, ha collaborato, fra gli altri, con ItaliaPiù, Italia a Tavola, l'Espresso Napoletano, Oliovinopeperoncino. Mantiene sempre viva la curiosità per il nuovo, accogliendo con piacere ogni opportunità che ritenga valga la pena sperimentare.

Commenta