Alla Corte del Gusto: il Sud che vince

Al Castello Ducale di Marigliano si sta svolgendo la prima giornata dell’evento “Alla corte del Gusto”. Stamane il primo incontro con Claudio Gubitosi – patron del Giffoni Film Festival.

La prima giornata della manifestazione “Alla corte del gusto”, evento organizzato dall’associazione culturale “Terre di Campania” e volto alla promozione di tutto ciò che di bello e di buono la nostra terra ha da offrire, è iniziata stamane alle 10,00 con l’incontro “Il Sud che Vince” , dedicato agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado. Ad aprire il dibattito, Maddalena Venuso, ideatrice insieme a Giuseppe Ottaiano dell’evento “Alla Corte del Gusto”.

<< Il Sud ha del gran potenziale, possiede una gran voce e dobbiamo metterla in campo. Noi cittadini di un mezzogiorno bistrattato dobbiamo cogliere tutto il buono e il bello che c’è e non guardare inermi il disfacimento delle nostre terre. Questo è solo il punto di partenza di questa quattro giorni pensata alla promozione delle eccellenze campane >>. Claudio Gubitosi, patron del Giffoni Film Festival, ha portato la propria testimonianza con l’obiettivo di avviare una riflessione sull’argomento della centralità del Sud, non più “ultima ruota del carro”, ma fucina di idee, imprese e uomini che si distinguono sul territorio nazionale ed internazionale.

Durante l’incontro ha consigliato ai giovani studenti presenti in sala: << La vita è fatta di step. Usate il desiderio, l’ambizione come carburante per andare avanti. Bisogna lottare per raggiungere i propri obiettivi. Voi siete il presente che costruirà il futuro >>. A seguire, l’intervento del Primo Cittadino di Marigliano, Antonio Carpino: << Sono entusiasta di quest’iniziativa, che possa essere l’inizio di un appuntamento fisso. E’ importante creare nuove e pari opportunità >>. In questa sede è stato poi consegnato per la prima volta, a Claudio Gubitosi, il premio “Terre di Campania, come migliore espressione di impegno imprenditoriale e sociale a favore del Meridione d’Italia. A termine dell’incontro – dibattito si è tenuta una degustazione di piatti di pasta tradizionale offerti dal pastificio le Gemme del Vesuvio e preparati dal Ristornate Damà di Marigliano.

Nel pomeriggio si è tenuto il primo dei tanti laboratorio di degustazione  della quattro giorni. Si tratta di “Olio, oro giallo”, laboratorio di avvicinamento alla conoscenza dell’olio extravergine di oliva, a cura dell’Agronomo Ivan Rizzitelli. In serata spazio alla Cena di Solidarietà. Un fitto menù, ricco di prodotti tipici campani, realizzato dallo chef Marco de Cesare del Ristorante Amabile di Cercola, ha deliziato gli ospiti. L’antipasto prevedeva un viaggio all’interno del mondo dei formaggi: tattica di bufala con composta di mirtilli, ricottina di bufala con miele di acacia o di castagno, taleggio di bufala, blu di bufala con composta di albicocca pellecchiella. Tagliata di salame Napoli e lattuga canasta hanno completato il tutto. Il primo piatto è stato a sfondo mediterraneo mentre per il secondo gli ospiti hanno potuto degustare una coppa di maiale nero casertano ripieno con noci, funghi porcini e champignon con salsa di castagne su vellutata di patate e broccoli di rapa saltati e treccione di bufala del Caseificio “Le Forme del Latte”. A concludere un gustoso dolce realizzato dal ristorante Damà. Durante tutto l’evento sarà possibile visitare il “Mercatino delle eccellenze”, una mostra mercato delle bontà agroalimentari campane dove il pane, la pasta, il vino, l’olio, i formaggi, i salumi e i prodotti dell’orto saranno i protagonisti. L’evento proseguirà fino a domenica 8 con un ricco programma consultabile sul sito web www.allacortedelgusto.it.

Commenta