La stazione dei Carabinieri di Monteverde ha un nuovo comandante, è donna ed è la prima volta che in Irpinia il gentil sesso sale al potere nelle Forze Armate.

Monteverde, piccolo comune in provincia di Avellino, arroccato su un colle nell’alta Valle dell’Ofanto, in passato, aveva già positivamente stupito quando riuscì a piazzarsi seconda tra i Borghi più belli d’Italia, assestandosi davanti a tante altre località molto più rinomate e pubblicizzate. Ora, stupisce perché si mostra all’avanguardia anche per la scelta dei suoi rappresentanti delle Forze Armate. Infatti, a Monteverde come comandante della Stazione Carabinieri, si è insediata il Maresciallo Ordinario Anna Maria Iacobone. È la prima volta in provincia, che un tale incarico viene assegnato ad una donna.

 La trentenne comandante Iacobone, ha origini canosine, lì ha condotto i primi studi, diplomandosi all’I.I.S.S. “L. Einaudi” di Canosa di Puglia (BT), poi si è arruolata nell’Arma dei Carabinieri nel 2007, frequentando il corso biennale presso la Scuola Allievi Marescialli, quindi ha conseguito a Firenze, al termine degli studi accademici, la laurea in Operatore della Sicurezza Sociale. 

Nonostante la giovane età, la sua carriera è già forte di 9 anni di servizio presso la Tenenza di Scafati, un territorio non facile, dove ha avuto a che fare con i tentacoli della criminalità organizzata.

Ma la Iacobone si è impegnata su più fronti, in primis, si è sempre schierata al fianco delle donne vittime di violenza e dei bambini, che come acutamente osserva: “subiscono violenza doppia, come vittime e come spettatori”. Per questo, il comandante esorta la donne vittime di violenza a denunciare, soprattutto gli episodi di violenza domestica e abusi, spesso subiti tra le mura della propria casa. Spesso le donne non parlano delle violenze subite per vergogna, insicurezza o la paura che le denunce non abbiano effetto. Invece, non è così! La Iacobone ci tiene a sottolineare che:

Oggi le norme consentono d’intervenire, quindi invito tutte le donne a denunciare. L’Arma dei carabinieri, con ogni stazione è sempre vicina a voi.

Attualmente, in tutta l’Italia, le maresciallo comandante sono 124 su 5.500 stazioni ( più altre 1576 donne addette alle Stazioni, non comandanti, fra cui 318 marescialli). Dati alla mano, la quota rosa fra i posti di comando nell’arma, è un po’ bassina.

Ma il forte attaccamento ai valori della divisa del comandante Iacobone, e l’apertura mentale di tutto il borgo di Monteverde, potranno riscrivere in questa stazione dei carabinieri, guidata al femminile, nuove storie, moderne, fruttuose ed operative.

Zaira Varallo, irpina DOC, ha conseguito la maturità scientifica per poi studiare Psicologia e diventare educatore. Scrivere è da sempre il suo ossigeno. Si interessa attivamente di poesia, cinema, arte; ha scritto diversi articoli giornalistici, pubblicati su “il Cassanese” e sul “Quotidiano del Sud” ( Edizione Irpinia). Alcune sue poesie sono state raccolte nella collana “Impronte” e nell’ antologia “Il Federiciano”. Nel Dicembre 2014 e in quello 2016 é stata premiata al Campidoglio, in Roma, II classificata nel Concorso Internazionale d’ Arte e Cultura dell’ Accademia G.G. Belli , nella sezione articolo giornalistico. Nel giugno successivo è stata premiata con menzione di merito al concorso internazionale di poesia Madre Claudia Russo. Importante esperienza è stata intervistare l’ attrice hollywoodiana Maria Elena Bello . Lo scorso agosto, si è classificata terza nel Premio letterario “ versi sotto gli irmici” a Piaggine ( SA); poi un’altra menzione d’ onore nel premio letterario “ Ex allievi di Don Orione” ( Macerata) ed a Ottobre risulta tra i finalisti in “emozioni di carta in bianco e nero”, Poggio Imperiale ( Foggia). Il 2017 si apre con una menzione d’ onore nel premio letterario “ Il Canto delle Muse” , Bellizzi (SA). Naturalista convinta. Con la penna riporta sul foglio tutte le sfumature dell’ essere che nella vita s’incontrano.

Commenta