Apple si insedia a San Giovanni a Teduccio ma Microsoft ha già pronta la contromisura.

Dopo l’annuncio di gennaio dell’accordo Apple – Napoli,  la città accoglie anche Microsoft che annuncia investimenti nel capoluogo per formare 800 giovani donne.
Apple non sarà l’unico colosso della tecnologia ad insediarsi a Napoli. Microsoft nella giornata di ieri ha rivelato che il capoluogo campano sarà protagonista del progetto “Nuvola Rosa“, programma nato per formare 800 donne nell’ambito informatico, mettendo a disposizione corsi gratuiti e collaborazioni con diverse aziende del settore.

Il progetto, nato dalla collaborazione con le università Federico II e suor Orsola Benincasa ed i partner Accenture, Asus, Avanade e Aviva, promette di formare ed iniziare al lavoro le nuove generazioni di donne napoletane 2.0. Soprattutto Avanade, azienda attiva nel settore ha in programma l’assunzione tra le proprie fila per 130 persone, da collocare nelle sue sedi nazionali.

Dicevamo di Apple, a quanto pare l’azienda di Cupertino ha deciso di insediarsi non a Bagnoli come si era pensato all’inizio, ma a San Giovanni a Teduccio nel polo scientifico della Federico II. L’azienda dovrebbe stanziarsi al 3° piano dell’edificio e ha richiesto modifiche strutturali al rettore, richiedendo una struttura open space e sprovvista di aule.

L’accordo è sempre più vicino secondo Giorgio Ventre delegato dell’università federiciana. Una delegazione Apple arriverà nei primi di giugno e si cercherà di rendere la struttura operativa già da ottobre.

Quali saranno le conseguenze dell’arrivo di Microsoft ed Apple a Napoli?
La speranza è quella di vedere una “silicon valleycampana, ovvero una zona con una altissima densità di aziende del ramo informatico interessate nella creazione di software e hardware per i prodotti smartphone, pc, tablet e quant’altro, che possa diventare un’avanguardia a livello europeo per la creazione di prodotti per le sopra citate aziende.
Purtroppo un progetto del genere a Napoli (e più in generale in Italia) è ancora fantascienza, perchè escluse alcune città particolarmente attrezzate come ad esempio Milano, mancano le infrastrutture adeguate nonché il sostegno economico da parte del governo e privati per le comunque sempre più numerose Start up, sperando che il trinomio Apple – Napoli – Microsoft possa dare nuova linfa al Mezzogiorno e creare una nuova spinta propositiva.

 

Commenta