Il Benevento chiude la sua prima stagione in Serie A con una sconfitta col Chievo ma il bilancio al netto della prima parte disastrosa è, forse, positivo ed è qualcosa da cui ripartire. A patto che si scelga un sostituto all’altezza di Roberto De Zerbi.

Si chiude con una sconfitta la prima esperienza del Benevento in Serie A, maturata in trasferta contro il Chievo alla ricerca dei tre punti per agguantare la salvezza senza dar conto a Spal e Crotone. Basta una rete di Roberto Inglese al 49′ per battere i sanniti, che hanno dominato la partita con un incredibile 77% di possesso palla, che se non è un record poco ci manca. Il Benevento paga la poca concretezza sotto porta, come spesso è successo quest’anno. Gioie e dolori della mentalità di Roberto De Zerbi, l’allenatore ha già annunciato la separazione dal club che è già all’opera per trovare un successore che ne possa portare avanti le idee.

Benevento De Zerbi

Approdato sulla panchina giallorossa dalla 10a giornata con la squadra incredibilmente a zero punti, nelle restanti ventotto gare il Benevento ne ha totalizzati 21 finendo a -4 dal Verona penultimo e -14 dalla lotta salvezza. Chissà come sarebbe andata col tecnico in panchina da inizio campionato, uno dei rimorsi più grandi di questa stagione e rimpianto che lo stesso tecnico non ha mai nascosto, ed anticipando magari qualche colpo giunto col mercato di riparazione come Cheik Diabatè, vero trascinatore di questo finale di stagione (uno score impressionante di 8 reti in 10 gare) insieme al baby Brignola. Rimarranno comunque le grandi prestazioni contro la Juventus al Vigorito, o le due gare contro il Milan che hanno portato i sanniti a vincere a San Siro e al primo punto in Serie A con la rete del portiere Brignoli.

Per il post De Zerbi la società ha iniziato a sondare il terreno, i nomi più papabili al momento sono: Ivan Juric ex allenatore ed Genoa, Drago ex del Cesena ed in pausa da un paio d’anni, addirittura si parla di un sondaggio per Filippo Inzaghi (ottopagine.it), allenatore attualmente del Venezia impegnato nei play off, e circolano i nomi di Bucchi (ex Sassuolo e Perugia), Grassadonia (ex Pro Vercelli) e Fabio Grosso, attuale allenatore del Bari.

 

 

Un qualunque napoletano con la passione per i libri, le belle storie e la scrittura.

Commenta