Il 29 settembre ha avuto luogo a Napoli un fantastico evento con decine di persone: il book mob. Scopriamo insieme di cosa si tratta!

Nella mattina del 29 settembre ha avuto luogo in Piazza Dante il bookMob organizzato dall’associazione culturale LibrincircoloIl bookMob nasce con lo scopo di favorire la circolazione di libri seguendo la massima del dare e del ricevere. Questa iniziativa, tenuta già in piedi da cinque anni, è accolta con grande esaltazione dagli amanti dei libri, che in massa accorrono all’evento per dare il proprio contributo.

Questo gioco culturale funziona così: i partecipanti si riuniscono in un posto ad un’ora e una data prestabilite portando con sé un libro impacchettato. Una volta raduntati, i partecipanti si dispongono in cerchio e al “via” degli organizzatori iniziano a passare in senso orario il libro al proprio vicino fino a creare un vortice inarrestabile di libri in movimento la cui forza è data dal contributo di ogni singola mano. Allo scadere dei venti secondi, questo moto si arresta per far sì che ognuno abbia tra le mani il suo libro, un dono, un pezzo di un’altra vita. La magia che si crea al bookMob è indescrivibile soprattutto se il libro ricevuto può ricoprire un significato particolare per chi lo riceve.

Il libro che si decide di donare non deve corrispondere a dei canoni precisi; si può trattare di un libro già letto o non piaciuto o addirittura di un libro davvero significativo ed emozionante per il donatore, il quale spera di far rivivere al futuro lettore le stesse identiche sensazioni che lui ha provato nel leggerlo.

Un vortice di bellezza si è creato il 29 settembre a Napoli, un vortice che ha lasciato posto ad una condivisione tattile e umana, che ha rimpiazzato, seppur per pochi minuti, quella condivisione virtuale, a volte un po’ superficiale, a cui siamo abituati ogni giorno. Scambi di libri, scambi di altre vite, scambi di altre idee: un evento in cui la parola “altro” è condivisione, è bene e non è divisione. Un’occasione per persone di tutte le età, dai diversi interessi e anche di diverse provenienze per conoscersi attraverso le pagine di un libro, sorrisi, battute, sguardi e atti di gentilezza. Insomma, si è trattato di una breccia di speranza in una società migliore in un mondo a volte troppo ostile e diffidente.

Tra l’entusiasmo percepito per l’attesa del libro donato non sono passati inosservati i bellissimi pacchetti preparati con cura dai singoli partecipanti. Per bellezza non s’intende perfezione ma cura nella preparazione, utilizzando tutto ciò che è a disposizione del partecipante. Carte regalo animate da piccole frasi o dediche, carte riciclate dei pacchi di caffè: un tripudio di colori e creatività che ha avvolto oggetti tanto preziosi, i libri.

    

L’associazione Librincircolo, nata nel 2005, ha avuto una brillante idea nel creare questa condivisione culturale che ricorre una volta ogni due mesi, il bookMob, manifesto dell’associazione stessa, che dal 5 al 7 ottobre sarà protagonista della fiera editoriale del libro  “Ricominciando dai libri” presso il Museo Archeologico di Napoli.

Sono una napoletana appassionata di libri, arte e musica. Sono laureata in lingue e letterature europee e americane a “L’Orientale” di Napoli ed anche se adoro le mie radici, amo essere sempre in viaggio e conoscere culture nuove con le quali confrontarmi. Penso che la scrittura sia uno dei linguaggi comunicativi più autentici e liberatori per l’uomo.

Commenta