Arriva anche in Campania il Digital Innovation Hub previsto dal Governo nel piano Industria 4.0

Avvicinare domanda ed offerta di innovazione e rendere le aziende campane il più digitalizzate possibili. Questi sono alcuni degli obbiettivi del DIH, Digital Innovation Hub Campania, associazione senza scopo di lucro nata dalle cinque territoriali regionali di Confindustria ed Ance Campania e presieduto dal presidente degli industriali di Napoli Ambrogio Prezioso.

Il DIH rientra le piano Industria 4.0 del Governo e promuoverà iniziative, attività e servizi finalizzati alla trasformazione digitale delle imprese, al trasferimento tecnologico, alla innovazione e alla ricerca, cercando costantemente un confronto costruttivo con i diversi livelli istituzionali. Il Digital Innovation Hub servirà dunque a informare le aziende delle possibilità offerte dalla digitalizzazione dei propri servizi, obbiettivo in linea con le direttive europee. Al DIH aderirà a breve anche l’Università Federico II.

In merito a questa iniziativa si è espresso Luca Moschini, AD di Laminazione Sottile, una delle promotrici del progetto: «Sarà un organo trasversale a settori e filiere produttive, una struttura a porte aperte pronta ad accogliere le esigenze di tutte le piccole e medie imprese del territorio». Moschini ha aggiunto che al progetto dovranno aggiungersi delle aziende maggiori che dovranno fare da guida per le altre «Sono una quindicina circa, sono pronte ad aderire. Ad esse chiediamo di mettere a disposizione del sistema tutte le loro competenze»

Anche il presidente di Confindustria Campania Costanzo Jannotti Pecci ha detto la sua: «La costituzione di Campania Dih rappresenta un importante passo in avanti nelle azioni messe in campo in Campania per far crescere le imprese ed aiutarle a far parte della quarta rivoluzione industriale».

Un qualunque napoletano con la passione per i libri, le belle storie e la scrittura.

Commenta