Castel Nuovo, inaugurato il progetto SpeleoEvo con apertura inedita sotterranea:  l’itinerario sarà fruibile ai visitatori a partire dal 31 ottobre,  con l’iniziativa “La calata del Terrore” (dai 12 anni in su) e in seguito da novembre su prenotazione.

Presso Castel Nuovo ha avuto luogo l’inaugurazione del nuovo progetto “SpeleoEvo”, concepito dall’associazione di professionisti Timeline Napoli. A due anni esatti dalla prima iniziativa di valorizzazione al Castel Nuovo, è stata rivelata alla stampa una esclusiva apertura sotterranea, posizionata sotto la Torre San Giorgio, una delle cinque torri della rocca costruita per volontà di Carlo I d’Angiò e poi ristrutturata da Alfonso d’Aragona.

Nel corso dei lavori di ristabilimento del sottosuolo del maniero, la squadradi Timeline ha restituito alla luce una bombardiera di età aragonese, quasi certamente di fine 1495, ritoccata dagli Spagnoli in epoca vicereale e ripudiata in epoca borbonica. Quest’area è il luogo di partenza di un inedito percorso turistico che deve il nome allo stesso progetto, appunto “SpeleoEvo”. L’itinerario sarà fruibile ai visitatori a partire dal 31 ottobre,  con l’iniziativa “La calata del Terrore” (dai 12 anni in su) e in seguito da novembre su prenotazione obbligatoria 3317451461. In più, Timeline Napoli predispone anche altre tipologie di visita guidata a tema all’interno del castello (e non solo), in italiano e in lingue straniere, per tutti i giorni della settimana.

Il team ha deciso di inaugurare il progetto con una dimostrazione in corda lungo le pareti di Castel Nuovo, all’interno del cortile, con la straordinaria presenza del Sindaco di Napoli Luigi De Magistris che ha voluto esprimere i suoi complimenti al lavoro messo in atto disinteressatamente dall’associazione del presidente Enzo de Luzio.

SpeleoEvo mette insieme una sequenza di iniziative, non solo culturali ma anche sociali, come il corso “Calarsi in corda” per ostacolare la dispersione scolastica, tramite borse di studio, dando impulso all’insegnamento della Speleologia Urbana (dalla tecnica di arrampicata e salvataggio, ai supporti didattici).

 La passione per l’esplorazione e l’avventura, sono il comune denominatore che lega i membri del Team Timeline NapoliL’Associazione si è costituita nel 2016, riunendo le passioni di un gruppo eterogeneo di professionisti che amano la storia della città di Napoli, con l’obiettivo comune di esplorare e recuperare i beni storici abbandonati, per restituirli alla città. L’Associazione ha un Team ricerche sul campo, costituito da esperti speleologi e rocciatori ed un Team ricerche storiche che si occupa del lavoro di indagine e ricerca bibliografica.

Timeline Napoli si avvale da professionisti appassionati di Storia, potendo contare su un team di speleologi, geologi, archeologi, ingegneri, storici, linguisti. Scopo principale dell’associazione è ridare valore e riconquistare la “parte nascosta” del patrimonio storico italiano, orfano e abbandonato all’incuria del tempo, così da rendere agibili totalmente i siti storici obliati dalla storia, cercando di regalare, in tal modo, nuove memorabili emozioni.

Le ricerche portate avanti dagli specialisti dell’associazione, anche grazie al supporto di mezzi speleologici di nuova tecnologia, riguardano le cavità sotterranee, come ipogei, cisterne antiche, ricoveri bellici, passaggi militari, le cripte abbandonate, i sotterranei dei castelli e tutte quelle strutture dall’accesso complicato. Il team di ricerca vanta tutte le dovute abilitazioni e certificazioni per i lavori in corda, oltre agli obbligatori attestati per i lavori in ambienti confinati.

 

Commenta