Un gruppo di giovani studenti dell’Orientale ha progettato “DAETHALY”, un’app che ti conduce per mano attraverso le leggende della città

Soltanto la mente di giovani studenti amanti di Napoli e delle sue radici avrebbe potuto partorire DAETHALY.

Daethaly è un’app che racconta le storie di fantasmi, monacielli, belle ‘mbriane e janare protagonisti dell’universo mitico, leggendario di Napoli.

Il nome è stato scelto dai progettatori: Agostino De Angelis, Daniela Sivera, Elena Sofia Cappiello, Urbano Catalano e Alessandra Mastrapasqua.
Tre pugliesi e tre napoletani, studenti ventenni dell’Università l’Orientale.

Il gruppo ha partecipato a quattro settimane di formazione presso l’Ateneo che ha accettato la proposta di Apple di introdurre competenze digitali nella formazione umanistica.

L’app visualizza immagini, testi e una map Hi tech.
Basta cliccare sulla mappa virtuale del centro storico di Napoli e lasciarsi affascinare dalle antiche storie frutto di un lavoro su fonti storiche e notizie informali.

Si sa che a Napoli ogni luogo ha il suo fantasma, dal Cimitero delle Fontanelle con la leggenda del Capitano al Palazzo Spinelli di Laurino con il fantasma della bella fanciulla Bianca.

Questi con il Vesuvio, il palazzo Sansevero, il palazzo dell’impiccato al corso Garibaldi, palazzo Penne e il suo diavolo e Castel Capuano, sono alcuni dei luoghi presenti nell’app.

Gli studenti stanno anche sviluppando un percorso per altre città della Campania, a partire da Caserta.

Non resta che partire per l’intrigante viaggio attraverso la storia leggendaria di Napoli.

Commenta