Tre giorni di gusto, tradizioni e divertimento hanno assicurato il successo della XXXVI edizione del FiordilatteFIORDIFESTA, la sagra del fiordilatte divenuta oramai un appuntamento fisso del mese di agosto.

Si è conclusa la XXXVI edizione del FiordilatteFIORDIFESTA con numeri altissimi sia in termini di vendite che di presenze. La manifestazione più attesa dell’estate, svoltasi dal 6 all’8 agosto, ha coinvolto l’intero comune di Agerola, piccolo gioiello situato sui monti Lattari a metà tra cielo e mare, coinvolgendo la cittadinanza e visitatori provenienti dai comuni limitrofi e non solo.
Il re della sagra, il fiordilatte, le numerose attività proposte, il grande lavoro di comunicazione e il lavoro svolto dall’associazione Sant’Antonio Abate, organizzatrice dell’evento, e dagli altri partner, hanno permesso che questa XXXVI edizione, giunta con qualche giorno di ritardo rispetto ai precedenti appuntamenti, fosse un successo continuo per tutta la sua durata. Apprezzatissimo il menù scelto per questa edizione, che ha coinvolto il buonissimo formaggio a pasta filata in rielaborazioni fantasiose e gustose preparate nel pieno rispetto della tradizionale cucina tipica agerolese: gli sfizi del contadino, fresella con pomodori e fiordilatte agerolese, gli Gnocchi del Monaco, preparati con fonduta di provola affumicata, erbe aromatiche e scaglie di Provolone del Monaco DOP, i Fusilli del Belvedere, con pomodorino del piennolo, erbe aromatiche e fiordilatte di Agerola, il Pane del Campo, panino alla piastra preparato con caciocavallo agerolese.

Tanto gusto e buon cibo, ma non solo; la sagra del FiordilatteFIORDIFESTA si è distinta anche per le numerose attività d’intrattenimento offerte ai suoi visitatori. Un flusso continuo di persone si è aggirato, durante i tre giorni, tra i percorsi guidati al Museo Civico di Agerola, e tra gli stand allestiti presso il giardino parrocchiale per esplorare il mercatino dei prodotti tipici. Grande successo ha riscosso anche la mostra “Ceramiche Artistiche” a cura di Giulietta Lauritano, coinvolgendo un folto numero d’interessati. Ma le attrazioni che hanno attratto più persone, oltre agli spettacoli in musica, sono state quelle che hanno coinvolto la tradizione e il territorio agerolese: le dimostrazioni di lavorazione del fiordilatte di Agerola, i laboratori del gusto organizzati dalla condotta dei Monti Lattari di Slow Food, e la passeggiata naturalistica per campi e borghi di Agerola a cura dell’Associazione Sentieri degli Dei (affiliata FIE – Federazione Italiana Escursionismo), si sono dimostrate attività di vero successo.

La tre giorni, animata dalla musica del Gran Complesso Bandistico “Palazzo San Gervaso”, dai canti e balli popolari degli “Astrea” e dal gruppo folkloristico “Città di Agerola”, si è colorata di suoni e colori unici, trasformando l’evento eno-gastronomico in una festa ricca di divertimento in onore delle tradizioni popolari, con l’obiettivo di tener memoria di una cultura antica quanto splendida da riscoprire.

Il momento più atteso dell’intera edizione è giunto lunedì 8 agosto in occasione dello spettacolo svolto in Piazzale san Pietro Apostolo, dove i famosi comici di Made in Sud: I ditelo voi, i Sud 58 e il grande Biagio Izzo, si sono esibiti per uno show aperto a tutti, divertente e soprattutto nostrano, che ha visto la presenza di un pubblico folto, variegato e felice di partecipare ad un evento che, di anno in anno, coinvolge tutta la regione Campania, e che migliorando sempre più, è divenuto un appuntamento fisso per affezionati e amanti delle manifestazioni eno-gastronomiche campane.

Ora lo sguardo punta già alla XXXVII edizione, sicuri che riserverà sorprese ed emozioni ancora più grandi.

 

Commenta