Sanniti ancora sconfitti dopo la gara col Foggia, tutta la squadra sotto accusa. Ed intanto il Pescara capolista allunga a +5 (ma con una partita in più).

Era chiamata al riscatto la squadra di Cristian Bucchi dopo la sconfitta interna col Foggia per 3-1 ed invece è arrivata solo un’altra sconfitta. Non che l’avversario fosse il più facile da affrontare, il Pescara con questa vittoria si prende la vetta della classifica rispettando i pronostici di inizio stagione, ma una risposta era richiesta alla squadra e non è arrivata. Inizia meglio il Pescara che al 10′ sarebbe già in vantaggio se il goal non venisse annullato per fallo di Monachello su Antei che aveva superato Puggioni con un bel pallonetto.

Il Pescara è padrone del campo, ancora Monachello al 16′ si invola sulla fascia e mette una palla arretrata per Mancuso che però non angola a sufficienza, ed al 28′ Marras di tacco cerca di sorprendere la difesa giallorossa centrando però il palo. Il Pescara schiaccia il Benevento che messo alle strette subisce al 37′ la rete del vantaggio pescarese con Mancuso che su calcio d’angolo anticipa tutti insaccando l’1-0. 

L’intervallo aiuta il Benevento a tirare il fiato e riorganizzare un po’ le idee, ed infatti arriva il pari al 50′ con una stupenda punizione di Viola che riporta la gara in parità. Il pari però non dura, ed al 52′ gli abruzzesi si riportano meritatamente avanti con Machin che supera Puggioni con un rasoterra perfettamente angolato, non lasciandogli scampo. All’85° Brugmann sfiora il terzo goal dopo una bella volata di Mancuso sulla fascia ma no concretizza, così il Benevento rimane in partita fino alla fine con la miglior occasione che capita sui piedi di Christian Maggio che al 94′ va vicino al pareggio con un tiro al volo che non entra, e sul ribaltamento di fronte ancora Brugmann sciupa il goal della sicurezza sparando addosso a Puggioni.

Con questa vittoria il Pescara si porta in testa alla classifica di Serie B con 15 punti, due più del Verona  sconfitto dal Lecce per 2-0. I sanniti si allontanano dalle parti alte della classifica scivolando all’8° posto a dieci punti ma con una partita da recuperare, che potenzialmente può portarla ad agganciare il Verona a -2 proprio dagli abruzzesi.

Un qualunque napoletano con la passione per i libri, le belle storie e la scrittura.

Commenta