Oggi inizia il Giro d’Italia: svelato il “Garibaldi” delle tappe e degli orari nell’avellinese. La tappa finale è prevista sull’omonimo monte del Santuario.

 

L’Irpinia si tinge di rosa. Merito della festosa carovana del Giro d’Italia, che da 101 anni è la gara ciclistica per eccellenza e che da sempre narra la storia, il cambiamento e la società del nostro Paese. Il Giro d’Italia attraverso la chiave dello sport riesce ancora ad unire intere famiglie, piccoli e grandi, comunità e soprattutto persone.

Mai come quest’anno, l’unica volta che il giro è iniziato fuori dal confine europeo, a Gerusalemme, città sacra per tutte e tre le religioni monoteiste e all’indomani della proclamazione di Bartali, storico ciclista italiano, come “Uomo giusto fra la Nazioni”, epiteto concessogli per la sua opera umanitaria – trasportava documenti e passaporti nascosti nelle ruote della sua bici mentre percorreva il Giro  d’Italia per salvare persone -; appare quanto mai pertinente la scelta di far culminare le tappe irpine della kermesse sportiva a Montevergine; luogo di culto, di sana bellezza e di una lunga e faticosa salita che si avvolge a spirale per 1273 metri d’altitudine.

Il giro d’Italia arriva in Irpinia questo weekend, quando, sabato 12 maggio, i ciclisti lasceranno Praia a mare, per risalire tutta la Calabria e il Cilento fino all’arrivo in provincia di Avellino. Qui, le ruote degli sportivi macineranno l’asfalto dei comuni di: Montoro, Celzi, Bellizzi Irpino, Mercogliano e Ospedaletto d’Alpinolo.

Svelato quindi il “Garibaldi”, la guida ufficiale della manifestazione che parla degli orari. A Montoro, i corridori percorreranno la SS88 tra le 15:51 e le 16:41; passeranno quindi per Celzi sulla SS88- SP24, tra le 16:01 e 16:25; Bellizzi tra le 16:09- 16:12 e a Torrette, in via Traversa tra le 16:17 e le 16: 42. La salita a Mercogliano inizierà tra le 16:23 e le 16:49, si arriva così ad Ospedaletto d’Alpinolo (SS374) che da giorni si sta preparando all’evento con tanti appuntamenti in programma.  Da lì si sale e per tagliare il traguardo su al Santuario di Montevergine, verso le 16:58 e le 17:31.

Il Giro d’Italia anche per quest’anno fa tappa in Irpinia, colorandone il suo proverbiale verde con tonalità di rosa, quelle delle magliette; dei mille colori delle borracce lanciare dagli atleti e gelosamente ricercate come cimeli dagli appassionati e le sfumature dei tanti curiosi. Insomma, le bici corrono, il giro passa e colora queste terre di venti d’allegria ed unità.

Zaira Varallo, irpina DOC, ha conseguito la maturità scientifica per poi studiare Psicologia e diventare educatore. Scrivere è da sempre il suo ossigeno. Si interessa attivamente di poesia, cinema, arte; ha scritto diversi articoli giornalistici, pubblicati su “il Cassanese” e sul “Quotidiano del Sud” ( Edizione Irpinia). Alcune sue poesie sono state raccolte nella collana “Impronte” e nell’ antologia “Il Federiciano”. Nel Dicembre 2014 e in quello 2016 é stata premiata al Campidoglio, in Roma, II classificata nel Concorso Internazionale d’ Arte e Cultura dell’ Accademia G.G. Belli , nella sezione articolo giornalistico. Nel giugno successivo è stata premiata con menzione di merito al concorso internazionale di poesia Madre Claudia Russo. Importante esperienza è stata intervistare l’ attrice hollywoodiana Maria Elena Bello . Lo scorso agosto, si è classificata terza nel Premio letterario “ versi sotto gli irmici” a Piaggine ( SA); poi un’altra menzione d’ onore nel premio letterario “ Ex allievi di Don Orione” ( Macerata) ed a Ottobre risulta tra i finalisti in “emozioni di carta in bianco e nero”, Poggio Imperiale ( Foggia). Il 2017 si apre con una menzione d’ onore nel premio letterario “ Il Canto delle Muse” , Bellizzi (SA). Naturalista convinta. Con la penna riporta sul foglio tutte le sfumature dell’ essere che nella vita s’incontrano.

Commenta