Dal Web nuova linfa al turismo in Campania, con la città di Napoli che si issa al primo posto delle località italiane più cercate in Internet da parte dei viaggiatori. Risparmio e praticità le leve di questo boom.

È stata un’estate d’oro per il turismo in Italia, grazie a un clima favorevole e al rinnovato interesse che gli stranieri hanno dedicato alle nostre località. I primi bilanci parziali sulla stagione calda segnalano anche la comparsa di una modalità innovativa di gestire, organizzare e prenotare la propria vacanza.

La Campania corre sul Web

Tradotto in altri termini, il Web diventa sempre più uno strumento a supporto del turismo, e Napoli e la Campania sono i primi beneficiari di questa piccola rivoluzione: la città partenopea, come svelato da una ricerca promossa dal ministero dei Beni culturali, dal ministero dello Sviluppo e dalle Regioni, è stata incoronata capitale italiana delle ricerche sul Web da parte dei viaggiatori.

Napoli capitale delle ricerche turistiche

A fronte di una crescita del turismo digitale pari al 19,3 per cento su base nazionale, infatti, Napoli ha conquistato il 25 per cento in più di turisti che hanno deciso di fare una vacanza partenopea affidandosi per l’appunto a Internet. I dati sono stati confermati dall’analisi dei Google Trends sull’estate 2017, e il capoluogo campano ha superato Firenze e Milano tra le città più ricercate, mentre tra le aree turistiche di maggior interesse ci sono Dolomiti, Cinque Terre e Lago di Garda.

L’Italia come meta tranquilla

Tra i fattori principali di questo momento positivo c’è il contesto geo-politico internazionale e, soprattutto, il timore crescente per il terrorismo, che da un lato sembra scoraggiare i viaggi all’estero per gli italiani, mentre al contrario rende il nostro Paese una meta ritenuta più tranquilla per gli stranieri che vogliono godersi le ferie.

I vantaggi economici del turismo

Non meno importante, poi, è l’aspetto economico, perché l’Italia resta una destinazione abbastanza conveniente, grazie anche alle offerte che si trovano sullo stesso Web, dove stanno trovando sempre maggior crescita siti come Trivago o Amoma su cui prenotare la propria destinazione o la struttura ricettiva. Per quanto riguarda quest’ultimo aspetto, poi, è bene sapere che ci sono ulteriori possibilità di risparmio riservate ad una nicchia di utenti, i “codici sconto”. I codici sconto non sono altro che dei codici alfanumerici da inserire prima di terminare l’ordine e permettono di ricevere gratuitamente un’ulteriore sconto. Ma dove possiamo trovare questi codici sconto? In nostro aiuto arrivano portali specializzati in codici sconto, come ad esempio la guida ‘Come funzionano i codici sconto Amoma?’  che raggruppa tutti i codici sconto Amoma attualmente attivi e disponibili.

I record di Napoli e Campania

Il trend positivo è ben evidente guardando i numeri rilevati dal ministero dei Beni e delle attività culturali (e relativi al solo primo semestre del 2017), che stimano una crescita vicina al 5 per cento di arrivi in Italia rispetto al 2016, con un totale di 53 milioni di viaggiatori. Un periodo fortunato che si è consolidato in estate, quando ad esempio la Campania ha conquistato turisti sia per i luoghi di mare, ma anche per le mete e l’offerta di tipo culturale.

Camere piene e aeroporto affollato

In dettaglio, nel solo mese di agosto la città di Napoli ha mantenuto un livello di prenotazioni di camere alberghiere pari all’80 per cento (dati Federalberghi), superando sia il 2016 (77 per cento) che il 2015 (quando invece le prenotazioni riguardavano solo il 62 per cento delle camere a disposizione). Da record anche le performance dell’aeroporto di Capodichino, che a luglio ha superato il milione di passeggeri in transito e che soltanto ad agosto ha segnato (almeno) 560 mila persone tra partenze e arrivi.

Un’offerta ampia e diversificata

Abbiamo detto della cultura: le terre di Campania, infatti, attraggono anche per l’ampiezza dell’offerta turistica, e oltre al classico mare i turisti stanno imparando a conoscere e apprezzare anche le “alternative”. La regione è seconda in Italia per numero di visitatori nei musei e parchi archeologici statali, con Pompei che nel primo semestre dell’anno ha superato il milione e mezzo di ingressi, mentre la Reggia di Caserta e il parco archeologico di Paestum contribuiscono ad arricchire e diversificare le soluzioni per chi scegliere di trascorrere le proprie vacanze in Campania.

Classe '88, studioso di Comunicazione e dinamiche del Web anche dopo aver conseguito il “pezzo di carta”, seguo un percorso formativo ibrido che mi consente di acquisire nozioni umanistiche e competenze tecnico-informatiche. Nell’anno 2009 vengo rapito dal mondo dell’ottimizzazione per i motori di ricerca e più in generale da tutto quello che riguarda Marketing e Advertising sul web. Passo più o meno 14 ore al giorno davanti un dispositivo multimediale per lavoro, studio e aggiornamento, ancora lavoro.

Commenta