John Hedgecoe diceva: “La fotografia è probabilmente fra tutte le forme d’arte la più accessibile e la più gratificante. Può registrare volti o avvenimento oppure narrare una storia. Può sorprendere, divertire ed educare. Può cogliere e comunicare emozioni e documentare qualsiasi dettaglio con rapidità e precisione”.

Presso la camera oscura dello spazio autogestito TerzoPiano, sito in via Monteoliveto – Napoli, si terrà, lunedì 30 Maggio alle ore 10,00 l’incontro con il fotografo Ivan Piano.

L’incontro sarà gratuito, inizierà alle 10,00 e terminerà alle 18,00. Il percorso si dividerà in due momenti. La mattina, il fotografo napoletano, Ivan Piano,  illustrerà la propria ricerca condotta nel corso degli anni e i momenti più importanti che hanno segnato il suo lavoro, mentre nel pomeriggio a numero chiuso in camera oscura l’artista mostrerà i procedimenti analogici sperimentali (tra cui bleaching, chimigramma, clichéverre, cross processing, idrogramma, lumen prints, ossidazione, pirogramma e solarizzazione).

“Per l’incontro del pomeriggio è preferibile la prenotazione tramite E-mail presso l’indirizzo terzopiano@autistici.org, tutti gli incontri si svolgeranno presso il TerzoPiano Autogestito situato nella Facoltà di Architettura di Napoli Federico II” – spiegano gli organizzatori.

Quest’incontro rientra nell’ambito del ciclo di incontri dedicati completamente al cinema, alla fotografia e alla video arte, organizzati dagli attivisti di TerzoPiano Autogestito.

Ivan Piano è un talento campano.  Nasce a Napoli nel 1975 dove vive e lavora tutt’ora. E’rappresentato dalla galleria Sabrina Raffaghello con sede a Amsterdam e Milano, dal 2008 insegna Fotografia Off Camera all’Accademia di Belle Arti di Napoli. Le principali mostre personali sono Decay & Sublime alla galleria Sabrina Raffaghello nel 2014; Metamorphosis Factory alla galleria Sabrina Raffaghello nel 2006; Ivan Piano alla galleria Pagea nel 2001 e A History of (Work in progress) alla galleria AOC Flaminia 58 nel 1998. Tra le principali mostre collettive ricordiamo la partecipazione come unico fotografo italiano invitato al I Festival Internazionale di Fotografia Analogica e Processi Alternativi di Río Gallegos nel 2016; le Biennali di Venezia nel 2013 e nel 2011; le Biennali di Video Fotografia di Alessandria nel 2011 e nel 2008 e la Quadriennale di Roma nel 2003. Espone in Italia e all’estero regolarmente dal 1996 in musei, gallerie e fiere privilegiando come mezzo espressivo sia la fotografia che la video arte.

Un momento di profonda cultura e spessore da non perdere.

Maria Bianca Russo è una giornalista pubblicista iscritta al terzo anno di lettere moderne. Si occupa principalmente di sociale e cultura. Molto legata al teatro, alla lotta contro le mafie e al tema sulla violenza che si consuma sulle donne.

Commenta