La Delegazione FAI di Avellino e il FAI Giovani Avellino hanno presentato giovedì 12 ottobre, presso il Palazzo Abbaziale di Loreto, la Giornata FAI d’Autunno: domenica 15 ottobre Altavilla Irpina sarà protagonista.

Si è svolta giovedì 12 ottobre, presso il Palazzo Abbaziale di Loreto, la conferenza stampa di presentazione della Giornata FAI d’Autunno organizzata dalla Delegazione FAI di Avellino e dal Gruppo FAI Giovani Avellino. L’evento nazionale promosso dal FAI- Fondo Ambiente Italiano si svolgerà domenica 15 ottobre e la Delegazione irpina ha scelto come tema generale dell’evento: “I giovani riscoprono il proprio passato: Altavilla Irpina”.

Sarà quindi il piccolo comune dell’Alta Valle del Sabato ad offrire ai visitatori la possibilità di scoprire luoghi spesso poco noti e aspetti inediti degli stessi, sotto la guida dei tanti volontari che domenica scenderanno in tutte le città d’Italia. La Giornata FAI d’Autunno è infatti una grande festa di piazza in cui, contemporaneamente e in tutta Italia, circa 3500 volontari di tutte le età offriranno visite guidate in più di 600 luoghi inaccessibili o poco valorizzati, legati da una tematica comune e raccontati dallo spirito entusiasta dei giovani.

Presenti alla conferenza stampa: il Capo Delegazione, l’architetto Raffaele Troncone e i volontari del Gruppo FAI Giovani di Avellino; il Sindaco di Altavilla Irpina, Mario Vanni; Don Livio Iannaccone, Parroco e Rettore del Santuario Diocesano SS. Martiri Pellegrino e Alberico; Rossella Del Prete, Direttore Scientifico del Museo Civico “della gente senza storia”. Un evento che ha visto quindi la collaborazione di personalità diverse e soprattutto appartenenti a realtà diverse, riuscendo in questo modo ad offrire ai visitatori la possibilità di conoscere il Comune di Altavilla Irpina da diversi punti di vista. Sarà infatti possibile visitare:

  • Palazzo De Capua;
  • Chiesa di S. Maria Assunta in Cielo;
  • Museo Civico “della gente senza storia”;
  • Casa Museo S. Alberico Crescitelli;
  • Miniera di zolfo S.A.I.M.;
  • Fontana Piè di Castello;
  • Biblioteca Comunale nel Palazzo Caruso.

Fil rouge della conferenza, quindi, la cultura, il patrimonio culturale e soprattutto la tutela dello stesso. Ma non solo, perché il FAI – Fondo Ambiente Italiano vive di raccolta di fondi ed è solo grazie a quanti hanno deciso, iscrivendosi o donando, di sostenere gli obiettivi della Fondazione che può intervenire sul territorio ridonando a noi tutti beni altrimenti destinati a una sorte più triste. Proprio ottobre per il FAI è il mese della raccolta fondi per eccellenza: sarà infatti portata avanti la campagna nazionale di raccolta fondi “Ricordiamoci di salvare l’Italia”, grazie alla quale sarà possibile iscriversi al FAI con una quota ridotta.

L’appuntamento è quindi per domenica 15 ottobre ad Altavilla Irpina, il FAI vi aspetta!

Orari: 9:00 – 13:00/14:00 – 18:00 (ultimo ingresso ore 17:30)

Evento Facebook: Giornata FAI d’Autunno 2017 – Avellino

Contatti: FAI Giovani Avellino

E-mail: avellino@faigiovani.fondoambiente.it

avellino@delegazionefai.fondoambiente.it

Foto di Alessandra De Marco

Ilaria Limongiello nasce ad Avellino nel 1988, ma trascorre i primi anni della sua vita in Friuli-Venezia Giulia, nella città di Trieste. Tornata nella sua terra, l’Irpinia, intraprende la sua carriera scolastica, diplomandosi, con ottimi risultati. Attualmente sta per concludere il suo percorso universitario, presso la facoltà di Ingegneria Edile-Architettura dell’Università degli Studi di Salerno. Da tre è volontaria FAI (Fondo Ambiente Italiano) e con la sua Delegazione ha collaborato in prima persona alla realizzazione di svariati eventi. La fotografia è la sua più grande passione, nata in giovane età e trasmessale dalla madre. E’ una passione che coltiva ormai da tempo, da autodidatta, partecipando a concorsi e sfruttando ogni occasione per indagare il mondo con il suo obiettivo. Ha avuto la possibilità di calcare grandi palchi della musica nazionale ed internazionale, come Umbria Jazz, il Pozzuoli Jazz Festival o il Festival dei Due Mondi di Spoleto, come fotografa di alcuni gruppi musicali campani. Obiettivi per il futuro? Lavorare NELLA sua terra, PER la sua terra.

Commenta