“Campania Sostenibile”: Legambiente lancia il concorso “La Legalità è…”.

Declinare le parole legalità e bellezza, attraverso un breve filmato o con disegni o foto. Volti, storie, racconti, della Campania che ci piace. Green society e bellezza, forza dei territori e innovazione, lavoro ed economia sociale, volontariato e partecipazione, legalità e pace: l’ambiente è al centro del cambiamento per restituire speranza alle persone e alle comunità, per rilanciare la “Campania Sostenibile” nell’Europa nel Mediterraneo, per condividere il futuro

Con queste parole Legambiente Campania lancia, il concorso “La Legalità è…”.

Il concorso è a partecipazione totalmente gratuita, e rivolto ai giovani tra i 16 e i 35 anni residenti in Campania. L’intenzione è esprimere, con creatività, attraverso videoclip, disegni o foto il significato di “legalità e bellezza”.

Il concorso ha come obiettivo quello di promuovere e valorizzare l’economia circolare, la salvaguardia dell’ambiente, il rispetto della legalità con la finalità di far interagire i giovani con la realtà di criticità ed opportunità del contesto campano, soprattutto con le buone pratiche (del mondo istituzionale, della formazione, dell’impresa, della cittadinanza attiva) investendo in quella Campania innovativa e propositiva del Paese, custode di un patrimonio di valori ed identità.

Spiega, ancora l’associazione ambientalista campana.

Un progetto di grande valore che mira a coinvolgere i più giovani nell’ottica di traguardare la bellezza e la legalità, dando importanza all’impegno civile, affinché le loro aspirazioni, esigenze, timori diventino la guida giusta per orientarsi verso un futuro più solidale e prospero. Un modo per valorizzare la “Campania Sostenibile” perché attraverso l’attenzione alle questioni ambientali, alla green economy e i green jobs, la nostra regione, guidata da amministrazioni efficienti e illuminate, possa acquisire un ruolo propulsivo in Europa e nel Mediterraneo, per attivarne le sinergie, per contrastare il pericolo dello tsunami demografico, i rischi di “fuga e spreco dei cervelli” o, peggio, di abulia ed inerzia dei giovani.

È possibile partecipare al concorso in forma individuale o in gruppo. La composizione numerica del gruppo è consentita da un minimo di due fino ad un massimo di quattro componenti. Le proposte dovranno giungere entro il 31 dicembre 2016.

Maggiori info sul sito di Legambiente Campania

 

Commenta