Il MANN e la Villa Campolieto ospitano, il 5 febbraio, due eventi dell’associazione culturale Karma

La prossima domenica, 5 febbraio, nonché prima del mese, fare visita al MANN, e non solo, potrebbe rivelarsi un’esperienza culturalmente davvero piacevole e ricca. L’associazione culturale Karma, impegnata nella valorizzazione di siti di interesse storico e paesaggistico della Campania, sarà promotrice di due interessanti eventi: una visita guidata alla mostra su Carlo di Borbone al Museo Archeologico Nazionale a Napoli, e uno spettacolo itinerante nella settecentesca Villa Campolieto che proietterà gli ospiti al tempo di re Ferdinando e Maria Carolina.

La lunga giornata comincerà alle ore 9.30 al MANN, dove potranno riunirsi i numerosi appassionati di storia e di arte, che, tra le altre cose, non si faranno sfuggire l’occasione di visitare la Sezione Egizia riaperta recentemente al Museo. Il tema della mostra? Carlo di Borbone e la diffusione delle Antichità. I partecipanti all’evento saranno guidati alla scoperta del sovrano illuminato che diede impulso agli scavi archeologici di Ercolano e Pompei. Tale mostra, condivisa con Madrid e Città del Messico, è stata inaugurata il 14 dicembre, e sarà visitabile al MANN fino al 16 marzo 2017. E per chi non si fosse ancora sazio di cultura, altra mostra visitabile, contestualmente, è quella su Amedeo Maiuri. Una vita per l’archeologia dedicata al grande archeologo, a lungo direttore degli Scavi di Ercolano, aperta fino al 20 febbraio 2017.

Nel pomeriggio, invece, alle ore 17.30 presso Villa Campolieto ecco “A corte dai Borbone”, una visita-spettacolo itinerante ed interattiva che giunge alla sua seconda edizione. All’interno della suggestiva villa settecentesca, gli ospiti saranno catapultati nel bel mezzo della vita di corte borbonica, rivissuta grazie alla bravura di oltre quindici tra attori e figuranti: balli borbonici, damigelle che faranno da scorta a una seducente Dama di Corte, che farà da guida (per volere del Re) attraverso le bellezze artistiche delle sale della Villa, tra lo scalone e le stanze affrescate al piano nobile  personaggi che fanno parte della storia del periodo, come re Ferdinando e la regina Maria Carolina, un Vanvitelli estroso come tutti gli artisti, il suo piccolo e impertinente collaboratore, una serva estremamente insolente e persone del popolo che faranno rivivere agli ospiti atmosfere del XVIII secolo. Dulcis in fundo, sullo sfondo le note settecentesche suonate dai musicisti del Re.

E allora cosa aspettare? Domenica si respira già aria di primavera.

Per info: www.karmacultura.it

Un pensiero riguardo “Dal MANN a Campolieto: Carlo di Borbone, un’esperienza settecentesca

Commenta