Posizione dubbia di Mertens sul lancio di Callejon che ha scatenato non solo le TV italiane ma anche Giampiero Gasperini, il tecnico dell’Atalanta che non ci sta. Ma tanto basta a lasciarsi alle spalle uno dei campi storicamente più difficili per gli azzurri.

Mertens torna al goal in campionato nella fascia orario per lui più propizia, quella di ora di pranzo, che vale al Napoli la vittoria sull’Atalanta nell’anticipo dell’Atleti Azzurri d’Italia. E questa è giù una notizia, il belga aveva informato gli allenatori del fantacalcio che sarebbe tornato carico da questa pausa della Serie A, e alla prima occasione ha già mantenuto la promessa: Contro un’Atalanta in salute che era riuscita ad eliminare il Napoli dalla Coppa Italia per di più al San Paolo, è arrivata una vittoria sudata e mai banale, che dimostra la maturità del Napoli sul campo che aveva visto la Juventus uscire con solo un punto all’andata.

Il primo tempo non è stato di quelli entusiasmanti ed il Napoli non è sembrato il più lucido della stagione, con i bergamaschi spesso in controllo della palla cercando la sponda del gigante scandinavo Cornelius per i movimenti del Papu Gomez e del giovane Cristante, tra i più in palla di questa stagione. Diversi gli assenti, nel Napoli è mancato capitan Hamsik che non ne perdeva una da tempo immemore con Zielinski al suo posto, mentre nell’Atalanta fuori Petagna per Cornelius, ma l’assenza più pesante è in panchina, dove Gasperini squalificato ha dovuto mandare il proprio vice Gritti. Le due compagini non riescono a rendersi pericolose nella prima frazione, l’unico guizzo è di Insigne che procura uno spavento a Berisha con una conclusione delle sue che termina di poco a lato.

Il secondo tempo l’Atalanta non riesce a reggere il ritmo forsennato della prima frazione ed il Napoli riesce ad inventare: Al 9′ Berisha compie un miracolo su Callejon imbeccato da Insigne nel solito cross a giro sul secondo palo che per poco non trova il tap in di Mertens sulla linea, fermato da uno straordinario intervento di Masiello. Passano solo 45 secondi, quando Callejon lancia Mertens sul filo del fuorigioco che sorprende la retroguardia atalantina e mette il belga a tu per tu con Berisha che non può nulla sul delizioso tocco di Mertens, rete vista e rivista da Var e televisioni che da 24 ore stanno discutendo se sia una rete valida o meno. Il Napoli sblocca una gara ingolfatissima e riesce a tenere il vantaggio grazie alla difesa marmorea di Albiol e Koulibaly, con la partecipazione di Reina che disinnesca un tiro insidioso di Cristante. Nel finale c’è anche spazio per il raddoppio di Hamsik che viene però annullato per fuorigioco e per una bella iniziativa di Marko Rog che ruba palla e davanti a Berisha la manda tra le gambe dell’estremo difensore nerazzurro. Buona gara del Napoli che si conferma cinica e matura, che stacca ora la Juventus di 4 lunghezze in attesa della gara di stasera col Genoa.

mertens napoli

Un qualunque napoletano con la passione per i libri, le belle storie e la scrittura.

Commenta