Quando il profitto scompare di fronte al calore umano, un bel caso di solidarietà nel napoletano.

La storia, di quelle che strappano un sorriso e fanno emozionare. A raccontarla su Facebook i ragazzi della Onlus “Diamo una mano“, giovani volontari che da anni svolgono attività di animazione per giovani pazienti che hanno deciso di organizzare una cena all’insegna dello street food per i giovani pazienti del reparto di oncologia pediatrica del primo Policlinico. 

L’idea è venuta al piccolo C., desideroso di assaggiare le specialità della paninoteca “Puok” gestita dall’intraprendente Egidio Cerrone, ragazzo famoso sui social per la sua grande passione per la cucina e da oggi anche per il suo buon cuore. A suscitare l’appetito del piccolo è stato il “Mammà“, così convintisi i volontari ed i bambini è stato fatto l’ordine a Puok e poco dopo, al ritorno di Viviana (una delle volontarie della onlus) tutti hanno letto il messaggio lasciato dallo staff della paninoteca, poche e semplici parole, ma di quelle che ti fanno credere nell’umanità, oltre che una quantità enorme di panini, salse e sfizi.

 

Questa la descrizione dell’evento da parte dei ragazzi sulla pagina Facebook: «arriva Vivi, con buste piene zeppe di panini, patatine, salse di tutti i tipi, e ci dà un bigliettino, ci siamo emozionati tutti; ma non perché non ci abbia fatto pagare nemmeno 1 euro, o perché ci abbia mandato il doppio di quello che avevamo richiesto, ma per il modo e soprattutto l’amore in cui quel gesto è stato fatto!!. Sullo scontrino il conto totale: zero euro. E accanto soltanto una frase scritta a mano in blu e firmata dallo staff Puok: “Che sia un momento di gioia”. I bimbi si sono divertiti e, soprattutto, si sono potuti concedere un ritorno alla normalità, anche se temporaneo»

Un qualunque napoletano con la passione per i libri, le belle storie e la scrittura.

Commenta