Il capoluogo campano scelto per festeggiare i 30 anni di attività del brand.

Grande attesa per l’evento Dolce & Gabbana che vedrà Napoli sommersa per quattro giorni da celebrità e modelli in sfilata per le vie del centro, l’entusiasmo è alle stelle dato che per la kermesse sono attese oltre 400 celebrità internazionali oltre Sofia Loren, madrina dell’evento. Le passerelle inizieranno quest’oggi alle 18 per le vie dei Decumani per terminare domenica con una cena al Palazzo Donna Anna a Posillipo, un itinerario che toccherà luoghi salienti della napoletanità come San Gregorio Armeno o i quartieri spagnoli. Le modelle saranno “sconosciute” provenienti da Svezia, Cina, Italia e naturalmente Napoli, di età compresa tra i 18 e i 20 anni.

La portata dell’evento ha raggiunto anche l’artista napoletana Roxy in the Boxche ha “popolato” il centro storico con installazioni sui muri di personaggi dello show business impegnati in atti quotidiani, ad esempio Madonna e Sofia Loren raffigurate come venditrici ambulanti, Naomi Campbell intenta a spazzare in strada o Nicole Kidman su una Vespa o ancora Monica Bellucci che fa la differenziata.

L’evento frutterà alle casse del Comune di Napoli circa 105.000 €, divisi tra servizi supplementari richiesti da D&G di sicurezza e nettezza urbana (40.000€), donazione per l’uso dei Decumani (50.000€) e l’affitto di Castel dell’Ovo (15.000€), portando dunque alla città non solo una cospicua somma ma anche una vistosa pubblicità, che si prepara ad accogliere celebrità da tutto il cosmo del mondo dello spettacolo e l’onore di festeggiare un traguardo molto importante per una delle case di moda italiane più famose nel mondo.

Non sono mancate le polemiche (ed i disagi) dato che l’evento D&G ha di fatto paralizzato il centro storico di Napoli, con il blocco del traffico iniziato ieri sera alle 20.00 e che continuerà per 60 ore consecutive per terminare alle 08.00 di sabato con i soli commercianti, residenti e addetti ai lavori esclusi, le aree interessate sono San Gregorio Armeno e le vie contigue. Grandi proteste da parte dei commercianti che anche se rimarranno aperti durante l’evento bocciano la scelta di chiudere la strada al traffico, dato che questo può scoraggiare possibili acquirenti.

Un pensiero riguardo “Napoli città alla moda per i 30 anni di D&G

Commenta