Napoli-Atalanta finisce con la vittoria dei Neroazzurri che espugnano il San Paolo, non basta il ritorno al goal di Mertens per la qualificazione alla semifinale.

Impresa dei bergamaschi o Napoli troppo rinunciatario? La verità sta nel mezzo come sempre, perchè è vero che l’Atalanta è un avversario ostico e ben allenato da Giampiero Gasperini, ma affrontarlo cambiando 7/11 della formazione titolare è un suicidio. Il Napoli ha già dimostrato quest’anno di non poter schierare in massa le seconde linee senza che la squadra ne risenta, perchè è giusto far rifiatare i vari Mertens, Albiol, Allan, Reina e via discorrendo ma bisogna anche tenere conto della forza dell’avversario che per l’occasione ha schierato i titolari, ma soprattutto del reale interesse per la competizione.

Non che il Napoli non abbia giocato la sua partita, davanti al suo pubblico tra l’altro dove le energie si moltiplicano, ed infatti nel primo tempo ci provano quasi esclusivamente i partenopei: Apre le danze Callejon che lanciato al 6′ da Diawara prova un diagonale insidioso che Berisha devia sul palo. Altra occasione per l’unico confermato del tridente titolare al quarto d’ora su corner, dove imbeccato da Hamsik non riesce a centrare il bersaglio. Sul finale di frazione ci prova Ounas a mettersi in mostra prima scivolando da buona posizione e concludendo alto, poi con una spettacolare rovesciata che manda il pallone di poco a lato.

La ripresa si apre a parti invertite, con l’Atalanta che prende in mano la partita ed al 5′ passa avanti: Cross del Papu Gomez per Cornelius, preferito a Petagna, che viene murato dalla difesa napoletana ma la palla finisce tra i piedi di Castagne che a due passi insacca sotto l’incrocio. Sarri manda nella mischia Insigne e Mertens ma l’Atalanta continua a fare la partita. Al 22′ Cornelius impegna Sepe che blocca la conclusione della punta atalantina, ma al 36′ arriva il raddoppio con Gomez che approfitta dello scivolone di Chiriches per penetrare in area e scaricare una bordata sul palo di Sepe. La partita è virtualmente chiusa ma Mertens al 39′ illude i tifosi giunti al San Paolo insaccando di testa il primo goal dopo due mesi di astinenza. Ci si aspetta la risposta del Napoli ma l’Atalanta vince 2-1 e sfiderà la Juventus in semi finale fresca vincitrice del derby con il Torino per 2 a 0.

Un qualunque napoletano con la passione per i libri, le belle storie e la scrittura.

Commenta