Osservatorio Federiciano, un luogo ideale per il dialogo culturale tra studenti, insegnanti e studiosi alla Federico II

L’Osservatorio Federiciano è un’Associazione studentesca che si è prefissa un ambizioso obiettivo: coinvolgere studenti, insegnanti e studiosi in un costante dialogo culturale, che sia concreto e accessibile a tutti.

Noi di Terre di Campania abbiamo incontrato alcuni membri per scoprire meglio di cosa si tratta.

Cos’è, per te, l’Università?
Se ponessimo questa domanda agli studenti universitari della nostra regione, il ventaglio di risposte sarebbe probabilmente ampissimo, dalle più serie alle più spaccone.

Ma se invece chiedessimo agli stessi studenti: e tu, la tua Università, quanto la vivi?

Corso. Casa. Studio. Esame. Corso. Magari una capatina in biblioteca. Casa. Le lezioni. I distributori di caffè. E poi?
Spesso, amaramente, poco altro: eppure esiste un immenso mondo d’iniziative che potrebbero dare a qualsiasi studente molto di più.

Un nodo sinaptico di cultura e interazioni; lo spazio delle idee e della comunicazione. Questo dovrebbe essere l’Università, e a volerla così dovrebbero essere per primi gli studenti.

L’ Osservatorio Federiciano

Sulla base di principi simili è nata, da circa un anno, l’Associazione studentesca Osservatorio Federiciano, ad opera di un gruppo di studenti della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Studi di Napoli Federico II.

Abbiamo deciso di conoscere e diffondere il progetto di questo gruppo di ragazzi attraverso un incontro con tre di loro: Domenico Bruno (presidente dell’Associazione), Marco Schiattarella (membro del consiglio direttivo) e Francesco Paolo Cinque (vicepresidente).

– Prima domanda, la più semplice, la più difficile: quali sono gli scopi dell’Associazione?

L’Osservatorio si pone innanzitutto come strumento a disposizione degli studenti, di giurisprudenza come di altri dipartimenti, per accedere nella maniera più semplice e naturale possibile a un‘informazione (e quindi a una formazione) che sia libera da qualsiasi condizionamento politico.
Informazione sui principali argomenti di attualità politica e giuridica.

– Qualche esempio?

Il 17 maggio, in Aula Pessina, nella sede centrale di Corso Umberto I, si è tenuto un convegno sulle collusioni mafiose, con la partecipazione di una serie di esperti in materia, fra cui l’uscente Procuratore Capo della Repubblica di Napoli Giovanni Colangelo; ancora, il 22 giugno, sempre tra gli edifici della nostra Università, si è tenuto un convegno organizzato dall’Osservatorio, in collaborazione con altre Associazioni studentesche, dal titolo Ambiente, energia, fisco: problematiche aperte.
Questi, appunto, sono solo due esempi del tipo di attività che l’Osservatorio Federiciano organizza, utili a individuare la varietà di temi e argomenti trattati.

“Ci aiuta il fatto di essere un gruppo unito, di studenti e di amici, e questo ci fa scoprire quanto è entusiasmante fare gruppo se si hanno obiettivi pratici da seguire”, sottolinea Francesco Paolo.

Poche linee guida alla base del progetto: l’idea di non entrare a far parte dell’immensa costellazione di associazioni studentesche di rappresentanza, l’idea di sveltire attraverso iniziative organizzate attivamente dagli studenti la lunga trafila burocratica contro la quale si scontrano inevitabilmente le istituzioni. Procedere parallelamente ai “piani alti” nell’organizzazione di eventi, convegni, lezioni e conferenze, infatti, impegnandosi attivamente a contattare ospiti e coinvolgere, anche attraverso il palcoscenico virtuale dei social, studenti di ogni facoltà, potrebbe aumentare esponenzialmente il numero di incontri culturali da offrire a chiunque voglia ampliare il proprio bagaglio di conoscenze sui più vari argomenti.

E in effetti ampliare la rosa di campi del sapere coinvolti nel progetto è un altro degli obiettivi a lungo termine dei membri dell’Associazione, che attualmente stanno già intessendo un dialogo con studenti di altre facoltà, in particolare Scienze Politiche ed Economia, auspicando, perché no, nel tempo, una stretta rete di Associazioni simili che si occupi di organizzare dal basso incontri culturali di ogni genere.

“Ci rendiamo conto che oggi, purtroppo, troppe persone non escono dall’ottica del proprio comodo e del proprio interesse e la cosa più allarmante è che questo provoca un totale distacco dal mondo circostante; molti ragazzi non sanno nemmeno cosa sta succedendo intorno a loro”, ci racconta Marco.

L’ Osservatorio Federiciano è anche uscito dall’ambito accademico per coinvolgere le scuole, in particolare il Liceo Vico, dove gli studenti dell’Associazione hanno tenuto una serie di lezioni sulla Costituzione.

Inutile negarlo, le difficoltà non mancano – il poco tempo, le troppe idee. Ma passo dopo passo i ragazzi dell’Osservatorio stanno mettendo in pratica tutto ciò che si sono prefissati.

“Non ha senso non sfruttare le possibilità formative che ci offre il mondo accademico. La nostra Università è una delle più prestigiose al mondo, ha quasi mille anni di storia, ed è giusto che torni ad assumere il ruolo culturale trainante che dovrebbero avere tutte le Università”, conclude Domenico.

Per scoprire le iniziative e i progetti dell’Osservatorio, vi rimandiamo alla Pagina ufficiale.

Commenta