Individuate tracce sulla spiaggia “le Saline” della costa cilentana. Allertati gli esperti della Stazione Zoologica Anton Dohrn nell’ambito della “Campagna Jairo-Mediterraneo”.

Notizie positive per l’estate 2017 nell’ambito della “Campagna Jairo-Mediterraneo” che vede la stretta collaborazione tra i volontari della Sea Shepherd Italia onlus e gli esperti della Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli. La mattina del giorno 26 luglio 2017, gli attivisti della Sea Shepherd Italia onlus hanno individuato due tracce di risalita di una tartaruga marina sulla spiaggia “Le Saline” di Palinuro.
Grazie alla stretta collaborazione tra la Onlus e l’Ente di Ricerca partenopeo, sono stati allertati i biologi del centro ricerche tartarughe marine della SZN per coordinare le attività di conservazione del nido. Gli esperti hanno riscontrato l’effettiva presenza delle uova in prossimità della scogliera posta a protezione di un campo sportivo. Il nido, situato a una distanza di oltre 20 metri dalla battigia e ad una profondità di circa 30 cm,  è stato immediatamente protetto mediante l’apposizione di una rete sotto sabbia e dotato di sensori che consentiranno il monitoraggio della temperatura (parametro che influenza profondamente lo sviluppo embrionale delle uova).

Con il supporto dell’associazione ESO ES Palinuro, che da anni collabora con la Stazione Zoologica Anton Dohrn, è stato installato un recinto per delimitare l’aria e impedire il calpestio accidentale del nido e difenderlo da agenti antropici. Da sottolineare l’attiva partecipazione e il prezioso contributo della Capitaneria di Porto, del Comune di Centola e del personale del Parco del Cilento, sempre disponibili a garantire le migliori condizioni di sicurezza al nido fino al momento della schiusa.
A tal proposito, il lieto evento dovrebbe essere previsto per la seconda metà di settembre, sperando nel mantenimento costante della media alta delle temperature climatiche. Palinuro si conferma statisticamente tra le mete preferite dalle tartarughe Caretta caretta per le spiagge della Campania.

Giovane dall’età indefinita, da oltre 10 anni nel mondo della comunicazione. Una Laurea, un Master, giornalista, scrittore, esperto di eno-gastronomia e della Campania, allenatore di Karate. E’ il creatore e direttore del Museo dei Castelli di Casalbore (AV), attività che gli ha valso il soprannome di “Signore dei Castelli”. Vincitore di vari premi nel mondo della pubblicità e della cultura. Testa proiettata nel futuro e piedi saldamente ancorati alla propria terra, il suo motto è “Si può fare!”.

Commenta