“Il murales di Maradona? Ci portano l’arte ma viviamo tra i topi” Questo il duro commento degli inquilini del rione “Bronx” sede dell’opera.

Il grande murales di Maradona dell’artista napoletano Jorit (già autore del San Gennaro a Via Duomo e molti altri graffiti) prende forma tra i palazzi della “Taverna del Ferro”, il cosiddetto quartiere Bronx di San Giovanni a Teduccio. L’opera realizzata grazie all’autofinanziamento dello street artist vuole essere un regalo alla cittadinanza, ma sostegno economico è arrivato anche da collette dei cittadini e persino dal capitano del Napoli, Marek Hamsik.

Ma il murales non è andato giù a tutti, come testimoniato da alcune interviste rilasciate a La Repubblica. I residenti dei due palazzi su cui sorgerà l’affresco si sono espressi in maniera molto critica nei confronti del murale, che a dir loro “è solo una giacca nuova su una maglietta sporca“, metafora che testimonia la situazione tragica di uno stabile dove manca la luce, le case sono in condizioni di non agibilità e di precaria igiene, di cui in passato si è parlato anche di demolizione. Insomma una situazione di degrado mascherata dalla figura mitizzata di Maradona.

Un qualunque napoletano con la passione per i libri, le belle storie e la scrittura.

Un pensiero riguardo “San Giovanni a Teduccio, il murales di Maradona di Jorit finanziato da Hamsik alimenta la polemica coi residenti

Commenta