Terza vittoria di seguito per il Napoli contro una Spal già sicura della salvezza, in evidenza Allan, Mario Rui e l’ex Meret.

Buona vittoria del Napoli in casa della Spal. Entrambe le formazioni senza più nulla da chiedere al campionato mettono in scena una partita vivace che gli uomini di Ancelotti portano a casa con maggiore caparbietà. Scelte inaspettate del tecnico emiliano che lascia a casa Insigne e Mertens lanciando dal primo minuto Milik con alle spalle Younes, Zielisnki e Callejon mentre nella retroguardia ancora fuori causa Albiol sostituito da Luperto al fianco dell’inamovibile Koulibaly.

In evidenza Meret, che ha difeso dal 2016 al 2018 la porta degli spallini, a cui il suo ex stadio ha voluto tributare una standing ovation. Parte bene il Napoli che colpisce l’ennesimo legno stagionale con Milik al 6′ mancando poi il tap in conseguente, freddezza che manca al polacco anche cinque minuti dopo quando manca il bersaglio di testa su bell’assist di Allan mentre dall’altro lato recrimina la Spal per un intervento di Koulibaly su Petagna che l’arbitro lascia correre. Continua il forcing azzurro con Fabian Ruiz che ci prova di sinistro ma la traiettoria viene deviata e soprattutto con Younes che alla mezz’ora scambia con Zielinski in area e salta diversi avversari per poi scaricare il suo destro sul fondo.

Nella ripresa Valoti sciupa ed il Napoli ne approfitta: 49′, Allan prova una prima conclusione, respinta, sulla ribattuta Younes serve ancora il brasiliano che stavolta non sbaglia e scaraventa un bel destro in porta, 1-0 per gli ospiti. Al 75′ pareggia la Spal con Antenucci ma viene segnalata una posizione di off side, mentre all’80° Meret si supera sul colpo di testa di Sergio Floccari. Due minuti dopo però Luperto stende lo stesso Floccari in area e viene concesso il penalty, dal dischetto il solito Petagna che quest’anno è bomber implacabile, Meret intuisce ma non riesce a salvare il risultato.

Come settimana scorsa col Cagliari, la partita sembra andare in porto verso un pareggio che non scontenta nessuno. Stavolta nessun rigore ma un bel tiro di Mario Rui all’88° regalano altri tre punti agli azzurri che chiudono il match con questo bolide di sinistro sul primo palo del terzino portoghese. Nel recupero altro buon intervento di Meret sul neo entrato Jankovic e così la partita si chiude sul 2-1. Buon passo del Napoli in chiusura di campionato che ora dovrà affrontare l’Inter nell’ultimo big match stagionale al San Paolo e poi chiudere la stagione a Bologna.

Commenta