La Campania con il Liquore Strega e il barman Alex Frezza de L’Antiquario di Napoli al Vinitaly 2018: il Pontel, un cocktail inedito ideato da Ettore Barbato, barman del Soda Jerk di Verona, in esclusiva per l’azienda Strega Alberti Benevento.

Scrivi Liquore Strega, leggi leggenda.

Secondo la leggenda popolare delle streghe di Benevento, nella vasta spianata del “Noce Magico” si riunivano di notte duemila e più streghe considerate le più belle, per ballare il Sabba dando vita a una pozione magica che univa per sempre le coppie che la bevevano.

È stato presentato, durante i giorni dell’appena terminata esperienza di Vinitaly 2018, rassegna andata in scena a Verona fino a ieri, 16 aprile, presso lo stand del Liquore Strega (Padiglione 3, stand F5), il Pontel, un cocktail inedito ideato da Ettore Barbato, barman del Soda Jerk di Verona, in esclusiva per l’azienda Strega Alberti Benevento. Allo stand, a dare accoglienza a bartender e appassionati del bere bene, hanno presenziato, oltre al management di Strega Alberti, il barman campano Alex Frezza de L’Antiquario di Napoli, accompagnato dai suoi cocktail privilegiati, tutto a base Strega.

Per me è un onore e un privilegio – ha asserito Frezza – collaborare con Strega Alberti, azienda del mio territorio con una così antica e prestigiosa tradizione. Mi piace sottolineare la grande modernità del suo liquore, identico nella ricetta e nell’immagine da 160 anni, ma allo stesso tempo ben cosciente della realtà contemporanea e dei cambiamenti del mondo. Oggi si presta perfettamente al mondo della miscelazione, essendo un liquore composto dai distillati di più di 70 tra erbe e spezie, a una gradazione alcolica di 40 gradi, perfetto per supportare tante ricette senza snaturarle, aggiungendo anzi un tocco aromatico caratterizzante. Lo ‘Strega’ è un gusto che abbiamo tutti nel sangue e diventa un piacere riscoprirlo attraverso un cocktail.

Presente allo stand Liquore Strega anche il barman Ettore Barbato che ha realizzato il suo Pontel, versato in calice di vino. Questa la ricetta: 15 ml liquore Strega, 70 ml Lambrusco

Pontel Cantine Giubertoni, 70 ml Chinotto san Pellegrino, 3 gocce di orange Bitter e olii essenziali di una scorza di arancia. La tradizione del passato, in un pungente ed elettrizzante cocktail dal carattere unico, un itinerario in pochi sorsi che prende il via da nord-est, da quelle terre che hanno dato vita ad uno dei drink più celebre e diffuso cocktail, disposto tuttavia con ingredienti del tutto diversi dall’originale. Il cammino di Ettore Barbato giunge, infatti, come prima tappa, nelle terre del Lambrusco Vecchio Ponte,che farciscono la sua ricetta della robustezza e del gusto genuino di questi luoghi. Ma ciò che rende il Pontel un vero e proprio must della moderna mixology è il suo secondo ingrediente, emblema dell’energia del cocktail, che ne esalta il gusto e ne bilancia l’intensità.

Semplice da preparare, il Pontel è prodotto con l’impiego di ingredienti comodamente reperibili e non esige bizzarre alchimie o costi astronomici. Il sapore e la tradizione di prodotti come il Liquore Strega, con il suo cospicuo ed articolato universo, e il diligente utilizzo che ne viene fatto da Ettore Barbato danno prova di quanto, una buona padronanza delle materie prime, e l‘attitudine a coniugare tradizioni diverse, superi ogni espediente o tecnologia.

Il liquore Strega è tra i più famosi liquori italiani, unico e inconfondibile per il suo sapore, grazie all’esclusivo uso di ingredienti naturali. Il processo produttivo, inizia con la molitura di circa 70 erbe e spezie, caratterizzate da particolari proprietà aromatiche, importate da tutto il mondo e selezionate con grande maestria. Tra esse possiamo citare: la cannella di ceylon, l’iride fiorentino, il ginepro dell’Appennino italiano, la menta del Sannio, che cresce spontaneamente lungo i fiumi della regione. Il suo caratteristico colore giallo deriva dall’aggiunta del prezioso zafferano al distillato di erbe aromatiche. Il liquore Strega, viene stagionato per un lungo periodo in tini di rovere al fine di assimilare un’ ampiezza espressiva ed eleganza del bouquet quale espressione di tanti aromi differenti originando un liquore ottenuto per distillazione della componente aromatica, dalla gradazione alcolica di 40% vol. È solo dopo il completamento di questa stagionatura che il liquore viene imbottigliato e distribuito in tutto il mondo.

Liquore Strega

L’intervento a Vinitaly è stata l’occasione per Strega Alberti per presentare la sua quarta edizione del Premio Strega Mixology, evento dedito ai più talentuosi barman e barlady nostrani. Per prendervi parte c’è tempo fino al 30 aprile – in modo gratuito – a questo link, per potersi iscrivere inoltre è indispensabile inviare la ricetta del cocktail, ispirata a uno dei 71 libri vincitori delle passate edizioni del Premio Strega. La gara finale avrà luogo giovedì 5 luglio, a Roma, in perfetta sincronia con la serata conclusiva della settantaduesima edizione del Premio Strega, nella abituale cornice del Ninfeo del Museo Nazionale Etrusco di Valle Giulia.

Lo Strega nasce nel 1860 a Benevento ad opera di Giuseppe Alberti, abile e lungimirante imprenditore. Strega é un prodotto assolutamente naturale ottenuto dalla distillazione di circa 70 erbe e spezie provenienti da ogni parte del mondo. Dal gusto unico, il Liquore Strega è amato per la sua versatilità: può essere apprezzato liscio, ghiacciato o per un bere più ricercato in long drinks e cocktails.

Per maggiori informazioni clicca qui

 

Commenta