Si dice Campi Flegrei, si pronuncia Malazè. L’evento enoarcheogastronomico che coinvolge produttori, associazioni, cooperative, ristoratori e siti archeologici dell’area flegrea torna dal 3 al 18 settembre con tante novità.

“Quest’anno Malazè durerà un fine settimana in più – ha spiegato Rosario Mattera, ideatore e organizzatore della storica kermesse –. Tra le novità che proporremo c’è il primo salone dei vini a “piede franco”, una delle caratteristiche più importanti del nostro territorio e poi i quattro percorsi a tema – miti e storie, gusto, archeologia e natura – che si terranno a Pozzuoli, Quarto, Bacoli, Monte di Procida, Napoli e isola di Procida. Tutte le iniziative sono in esclusiva per Malazè”.

Il docu-film “Mirabiles. I custodi del mito”, dei giornalisti Marco Perillo e Alessandro Chetta, ha inaugurato la presentazione della XI edizione di Malazè presso Villa Avellino Historic Residence di Pozzuoli. “Il film è dedicato ai custodi dei siti archeologici che spesso fungono, per così dire, da botteghino di entrata del monumento, – spiega Alessandro Chetta – attraverso la loro voce abbiamo voluto raccontare i Campi Flegrei”. Poi Marco Perillo aggiunge: “Partiamo dalla grotta della Sibilla che fino a qualche tempo fa era aperta ai turisti da Carlo Santillo detto Caronte che per tradizione di famiglia portava i turisti a visitare quei luoghi magnifici raccontando anche storie meravigliose”. Tanti i giornalisti e blogger intervenuti che dopo la presentazione hanno potuto partecipare al Press Tour – ribattezzato “nun vac e press Tour” – visitando il Rione Terra con il percorso archeologico sotterraneo, il Duomo e il Museo Diocesano e il borgo vicereale.

Tra le iniziative che Malazè 2016 prevede a settembre: a Pozzuoli evento nel Giardino dei Tibicines, i flautisti Romani; visita in occasione dei 300 anni dalla nascita di Carlo di Borbone agli Astroni; visita alle aziende a Km 0 di Monte di Procida; rievocazione del mito di Miseno e della morte di Agrippina a Bacoli; visita alla necropoli pagana e paleocristiana di San Vito; birdwatching sul lago d’Averno; escursione sul lago Fusaro alla riscoperta di conchiglie; rarità video e foto dei Campi Flegrei e Pozzuoli; maratona fotografica nel centro storico di Pozzuoli; visite alla Città Sommersa; visite alla grotta dei pipistrelli e sii archeologici di Quarto; cene in vigna e eventi gastronomici con chef famosi.

 

 

 

Terre di Campania è un progetto in continua evoluzione che si occupa di promuovere il buono e il bello della regione Campania attraverso la conoscenza e la diffusione di bellezze paesaggistiche e artistiche, di bontà culinarie, della cultura, di news, di eventi e azioni mirate sul territorio.

Commenta