L’eco delle foglie, poesia di Alessio Coletta, giovane amante della poesia beneventano trapiantato a Napoli

Alessio Coletta, nato il 24 aprile del 1997 a Benevento. Ha conseguito la maturità classica al Liceo Classico Pietro Giannone; attualmente studia e vive a Napoli, essendo iscritto all’Università degli studi di Napoli “L’Orientale”, dove studia lingue e letterature comparate (inglese e giapponese). Da quando si è trasferito a Napoli, si è follemente innamorato della città, e dei suoi vicoli incantati. Ama la musica classica (suona il pianoforte per passione), la letteratura, e in particolare la poesia.

L’eco delle foglie

Leggo, ed intorno a me c’è solo silenzio, sento solo
il mio cuore battere, e gli uccelli intonare il loro canto.
Sussurro tra me e me, carezzando l’aria d’estate con le labbra,
che aspetto il tramonto. Non importa quando,
ciò che conta è che arrivi.

Soffio, e volano petali di fiori di pesco, candidi e soffici,
che volteggiano al vento, e mi ricordano tutto ciò che è fuggito,
che non ho saputo tenere con me, trattenere, nonostante tutto.
Mi fanno pensare all’estate scorsa, alle notti insonni,
all’odore delle ginestre in piena fioritura, e al rosa della carne
che mi ha privato della pace, e del sorriso, ma che ora ho dimenticato.

Non c’è traccia di vita in questo sentiero, c’è solo traccia di te,
del tuo respiro, dei tuoi passi, del tuo silenzio.
Sono immerso negli alberi, nell’ombra dei rami, e il fruscio delle fronde
mosse dalla tempesta che sta per arrivare canta melodie sconosciute,
senza note: è una musica nuova, è una rapsodia eterna, senza fine,
e senza inizio.

Terre di Campania è un progetto in continua evoluzione che si occupa di promuovere il buono e il bello della regione Campania attraverso la conoscenza e la diffusione di bellezze paesaggistiche e artistiche, di bontà culinarie, della cultura, di news, di eventi e azioni mirate sul territorio.

Commenta