Viaggiando tra i castelli irpini, rubrica sull’approfondimento delle rocche della provincia di Avellino

Siamo a Cervinara, alla scoperta dei ruderi sulla montagna, memoria dell’antico fasto che il castello deve aver conosciuto in passato. Come sempre ci muoviamo attraverso le oltre 70 rocche, fortezze e i castelli di epoca longobarda, normanna o risalenti ad altri periodi presenti sul territorio avellinese, con la volontà di diffondere il patrimonio storico della verde provincia campana. Continuate a seguire la rubrica per conoscere storie e leggende, di paesaggi e misteri, che caratterizzano un’incantevole provincia.

Questa rubrica è realizzata in collaborazione con la pagina facebook del Museo Dei Castelli di Casalbore.

I ruderi del Castello Medioevale di Cervinara, cui gli abitanti locali si riferiscono come “O’ Castellone”, sono ben visibili sulla cima del colle che domina la frazione Castello.La prima citazione ufficiale relativa all’edificio si ritrova in un documento del XII secolo, da cui si evince che la sua fondazione risale ad epoca più antica ed é forse ascrivibile al periodo longobardo.
Ricostruito dai Normanni e restaurato sotto gli Angioini, di esso oggi restano solo parte della torre principale, a pianta quadrangolare, alcuni edifici destinati ad abitazione e tratti della cinta muraria difensiva.

L’articolo continua su silo del Museo Dei Castelli

Terre di Campania è un progetto in continua evoluzione che si occupa di promuovere il buono e il bello della regione Campania attraverso la conoscenza e la diffusione di bellezze paesaggistiche e artistiche, di bontà culinarie, della cultura, di news, di eventi e azioni mirate sul territorio.

Commenta