Un castello posto a difesa della Valle del Sarno

Posto sull’alta vetta di un colle, che domina la Valle del Sarno, la pianura stabiese e pompeiana, difeso in modo naturale dai monti che lo circondano, il castello di Lettere fu edificato nel X secolo quando gli Amalfitani che avevano conquistato quei territori, necessitavano di strutture difensive. La rocca, edificata a 340 mt. s.l.m. in posizione dominante sui Monti Lattari era parte di un villaggio fortificato che si componeva di una massiccia cinta muraria posta a protezione della chiesa, dove nel 984 d.C., Lettere divenne una sicura sede vescovile: infatti il castello ospita il suo primo vescovo Stefano segnando cosi la preminenza del castello di Lettere nei confronti degli altri due vicini di Gragnano e di Pino.

Così Lettere ebbe la propria sede vescovile, insieme con Scala, Minori e Capri. I lavori eseguiti durante la dominazione angioina modificarono in modo sostanziale la struttura del castello adeguandolo cosi a nuovi modi difensivi. Con la pace di Amalfi con il ducato napoletano, la donazione di Lettere ad un nobile napoletano, e la concessione del castello come feudo da Federico II ai Filangieri inizia il declino del “castello letterese” , che, in epoca aragonese, con ulteriori modifiche (apertura di finestre) passa da struttura militare a residenza fortificata del feudatario. Oggi dell’antico castello ristrutturato di recente restano le quattro torri in tufo tra le quali spicca la più alta e ampia la “Torre Maggiore” con pietre simmetricamente disposte che insieme alle altre tre più piccole e in forma cilindrica ancora in buono stato conservate, ne formano il perimetro.

castello-aragonese-lettere_22883256619_o

La torre che sovrasta il piccolo borgo di San Nicola è interamente vuota ed è denominata “Torre del Grano” la quale serviva da dispensa in caso di attacchi. Le torri dicevamo delimitano il perimetro del castello, mentre dall’interno nelle parti interrate sono ancora visibili numerose strutture coperte, che sono presumibilmente delle cisterne. Ancora oggi dalla sua collina domina fiero la vallata sottostante.

COME ARRIVARE

In Auto

Da Napoli: per arrivare a Lettere da Napoli, da cui dista 36 km circa, basta percorrere l’autostrada A3/E45 seguendo la direzione zona industriale San Giovanni.Proseguire in direzione “autostrade”, uscire a San Giovanni, pagare il pedaggio in direzione Napoli Sud e prendere l’uscita in direzione Angri. Attraversare Angri, attraversare Sant’Antonio Abate, girare a sinistra per la SP368 ed entrare in Lettere.

In Treno

Da Napoli: dalla stazione di Napoli Centrale (Piazza Garibaldi), prendere il treno delle Ferrovie dello Stato sulla linea NapoliGragnano, e scendere alla stazione di Gragnano che dista da Lettere 4,3 km circa. Il collegamento con Lettere è assicurato da autobus di linea. Per consultare gli orari dei treni visitare il sito www.ferroviedellostato.it

In Aereo

Fare rifermento all’aereoporto di Capodichino

Commenta