Tra le attività proposte dal Centro Territoriale Mammut c’è il laboratorio di break dance in collaborazione con la UNS Crew-UNStoppable

Nell’ambito del Centro Territoriale Mammut a Scampia, periferia nord di Napoli, è possibile partecipare a un laboratorio di Break dance che propone tre appuntamenti a settimana.

Motivo di incontro e di aggregazione con cadenza settimanale, il laboratorio è una vera e propria scuola dove gli adolescenti esercitano o imparano questo particolare linguaggio.

I gruppi sono misti per provenienza, status socio-economico, cultura, genere ed età: il laboratorio è rivolto a bambini, preadolescenti, adolescenti e giovani adulti.

I più grandi in cerca di uno spazio dove poter danzare trovano nel Mammut un luogo accogliente che favorisce il confronto e l’apprendimento.
I più esperti mettono a disposizione le proprie competenze per i meno esperti e i più piccoli.

Nel tempo il Centro Mammut è diventato un polo di attrazione per ragazzi e ragazze appassionati di break dance provenienti dal centro di Napoli, dalle periferie, dal Rione Traiano, Vomero, Aversa, Melito, Gigliano, Terzigno, Casoria e addirittura da Salerno.

La Crew che cura i laboratori al Mammut è la UNS Crew-UNStoppable che nasce nel 2005 a Melito e vanta come membri Simone Czek, Gianluca Tidus, Dario Nego, Domenico Ipno, Gigi Gola, Gennaro Skil, Salvatore Capellone, Antonio Fatuo, Luca Lusius, Pierluigi Suono, Totor Sane, Antonio Panzer, Guido Widù, Biagio Gelo, Nino Come.

La UNS con il gruppo di B-Boy e B-Girl (ossia ballerino/a di breakdance) persegue l’obiettivo di far evolvere la scena hip hop napoletana organizzando workshop formativi con ballerini di break dance riconosciuti a livello nazionale ed internazionale.

I luoghi dei workshop sono stati molteplici ma prevedevano tutti una serata al Mammut, a Scampia.
Tra gli ospiti di eccezione vi è stato il BBoy Quic De la Selva-Rojas direttamente dall’America; la serata ha contato circa 40 BBoy che hanno conquistato gli spazi antistanti il Mammut.

I workshop e gli incontri con ballerini più esperti hanno permesso ai giovani partecipanti del laboratorio di break dance del Mammut di confrontarsi con diversi stili di ballo e dunque intraprendere una ricerca per la formazione di una propria identità nella danza e di riflesso anche nella vita personale.

Nel mese di giugno 2015 il Mammut ha organizzato una JAM “Scampia Summer Jam” ovvero un evento hip hop al quale è stato possibile partecipare esprimendosi in qualsiasi disciplina dell’ambito: dal writing alla break dance, dal DJ set al rap.

Momenti festosi alternati a momenti di competizione tramite i battle (battaglia), sfide che permettono di tirar fuori il meglio di sé in un clima di sana tensione.

L’evento, aperto al pubblico e ai partecipanti in maniera totalmente gratuita, ha visto molteplici spazi per il ballo, la possibilità di dipingere le colonne sopra il tetto del Mammut e il Rap open mic, cioè a microfono aperto per chiunque volesse cimentarsi in maniera del tutto libera.

Tutto il quartiere ha partecipato entusiasta alla JAM.

Ancora una volta il Centro Territoriale Mammut è riuscito a seminare possibilità in un terreno che è tutt’altro che arido.

 

Commenta