Il suggestivo borgo di Casalbore ospita il “Museo dei Castelli” per valorizzare l’affascinante territorio irpino e rendere noti gli antichi e bellissimi manieri campani

Nella Valle del Miscano, in Irpinia, un piccolo borgo della provincia di Avellino si distende tra boschi e sorgenti: Casalbore, immerso in una paesaggio incantevole e ospitante il “Museo dei Castelli”.

Giungendo in paese si possono sentire i profumi dei prodotti casarecci e i suoni di una natura incontaminata; gli occhi si sgranano alla vista delle antiche mura e la mente ripercorre un passato cavalleresco degno di nota.

All’ingresso della città si colloca la maestosa e caratteristica Torre Normanna fatta erigere nel 1216 a distanza di tempo dalla costruzione del castello. Quest’ultimo fu opera dei Caracciolo che nel Cinquecento trasformarono la struttura in dimora signorile. Inizialmente il Castello prevedeva tre torri: la principale, una secondaria posta a Sud-Est delle mura di cinta e una terza abbattuta dopo il sisma del 1962. La Torre Normanna, dotata in un primo momento di camino e servizi igienici, rappresentava un punto di difesa e da lì si poteva avere il controllo visivo dei traffici commerciali. Tutt’attorno il paesaggio è caratterizzato dal colore grigio chiaro della pietra locale che si riscontra anche nell’ampia piazza d’armi intorno a cui si è sviluppata la costruzione. Alla piazza si accede attraverso la Porta Beneventana, ricavata nella parte inferiore della struttura.

Proprio le mura dell’antica Torre Normanna ospitano il “Museo dei Castelli” nato dalla collaborazione del Comune di Casalbore e dell’Associazione culturale “Terre di Campania”. Il museo, attraverso un percorso fotografico e didattico, si prefigge il compito di far conoscere ai visitatori l’affascinante mondo castellare della Campania, mostra belvedere senza tempo e racconta aneddoti e leggende legati ai vari luoghi d’interesse. Gli antichi manieri campani si possono ammirare attraverso le immagini scattate per la mostra fotografica “Immagini come appunti di viaggio – Castelli e Fortificazioni in provincia di Avellino”.

L’ambizione di portare alla luce territori troppe volte sottovalutati si è avverata grazie a questa importante iniziativa: scuole, gruppi interessati e turisti visitano il museo rimanendo sempre soddisfatti. All’interno della struttura si tengono convegni illustri ed esposizioni fotografiche, ma non tutto si racchiude nelle mura della Torre. Grazie all’associazione Terre di Campania è possibile percorrere un interessante itinerario alla scoperta non solo delle roccaforti irpine, ma anche di sapori genuini e vini premiati.

Il museo e il borgo che lo ospita attendono di essere visitati da chi ha la passione di scoprire e la forza di conoscere e valorizzare una realtà tanto antica quanto sconosciuta. Il sogno si è avverato, aiutiamolo a crescere!

Come arrivare

IN AUTO: Da Napoli percorrere l’autostrada A16/E842

IN AEREO: Aeroporto di Capodichino (NA)

 

Giovanissima studentessa di Lettere Classiche dell’Università Federico II di Napoli, è appassionata di scrittura e danza classica. Diciannovenne, vive a Marigliano e crede nelle potenzialità che la sua terra ha da offrire.

Un pensiero riguardo “Museo dei Castelli a Casalbore: il sogno diventa realtà

Commenta