Un edificio monumentale di Napoli ubicato nel Rione Sanità: Palazzo San Felice. Antichità, architettura e bellezza di Napoli

Il Palazzo San Felice è certamente uno dei luoghi più simbolici della Sanità caratterizzato da una facciata maestosa con arcate simili ad un alveare. Ferdinando San Felice era un architetto napoletano che nel 1724 decise di trasferirsi con la famiglia in quello che allora era il luogo più pulito e tranquillo di Napoli: la Sanità. Restaurò un antico palazzo e lo ampliò con una nuova costruzione. È un magistrale esempio di architettura con un maestoso cortile ed interni degni di una vera reggia. Spettacolari sono le scale che diventano un elemento architettonico portante, quasi scenografico.

L’edificio consta di due corpi distinti uniti dalla facciata principale sulla quale si aprono due ingressi. Tra le due coppie di sirene che sorreggono i balconi del primo piano ci sono iscrizioni che decantano l’opera del Sanfelice. I palazzi sono molto diversi all’interno: uno ha un cortile a pianta ottagonale dal quale parte una scalinata a doppia rampa, l’altro cortile è molto più ampio e da esso parte una grande scala ad ali di falco con cinque arcate per piano che ricorda un pò lo splendido palazzo dello Spagnolo. La scala prende luce anche dal giardino retrostante.

Un tempo nel palazzo vi erano affreschi di Francesco Solimena e nella cappella privata le quattro statue delle stagioni.

Mi chiamo Mariano De Angelis, ho 26 anni e sono laureato in Design della Comunicazione presso il Politecnico di Milano. Sono un fotografo professionista specializzato in fotografia di architettura e documentaria e ultimamente sto realizzando reportage fotografici sul patrimonio artistico e paesaggistico della Campania.

Commenta