La Chiesa e il Convento situati sulla sommità del monte omonimo: il Santuario di Maria Santissima dei Lattani a Roccamonfina

Roccamonfina fu fondata, secondo una leggenda, nel 250 a.C. dall’imperatore romano Decio, che era arrivato in questi luoghi inseguendo la donna da lui amata e per lei fece erigere una Rocca in suo onore, da cui derivò il nome del paese.

A poca distanza dal centro si trova il suggestivo Santuario di Maria Santissima dei Lattani circondata da un castagneto. Una leggenda racconta che agli inizi del 1400 un pastore, conducendo al pascolo il suo gregge di capre, trovò in una grotta una statua della Madonna. Si racconta ancora che i santi francescani Bernardino da Siena e Giacomo della Marca, venuti qui in pellegrinaggio per rendere omaggio alla Madonna, decisero di far costruire un edificio di culto dove collocare la statua mariana.

La Chiesa ha una facciata preceduta da una scalinata e da un pronao in stile gotico. All’interno è presente una sola navata con volte a crociera con dipinti realizzati nel 1600 da Padre Tommaso di Nola. Il chiostro è rettangolare ed è circondato da colonne di varie forme. A destra una balconata aperta sul vuoto fornisce un colpo d’occhio spettacolare su un panorama incantevole mentre sulla sinistra sorge la prima casa religiosa affidata ai Francescani chiamata Eremitaggio di S. Bernardino.

Un po’ più avanti, addossata al muro, troviamo una fontana in pietra con un bassorilievo in marmo bianco sistemata qui nel 1691. Precedentemente era ai piedi dell’altare della Madonna, ma poi, per ragioni di culto, fu portata all’esterno. È detta “acqua della Madonna” perché sorge nella grotta dove fu trovata la statua. La fontana è sormontata da una maiolica del 1961 che raffigura la storia del ritrovamento dell’immagine sacra.

Mi chiamo Mariano De Angelis, ho 24 anni e sono laureato in Design della Comunicazione presso il Politecnico di Milano. Sono un fotografo professionista specializzato in fotografia di architettura e documentaria e ultimamente sto realizzando reportage fotografici sul patrimonio artistico e paesaggistico della Campania.

Commenta