Sorrento è una delle mete italiane più visitate per i suoi tratti di storia locale e per le sue specialità gastronomiche. Paesaggi mozzafiato e ricette gustose ed eleganti saranno gli attori di scena di vista e gusto.

Sorrento è una delle mete preferite dai turisti, stando agli utlimi dati ISTAT.  La città si trova a circa 50 km da Napoli ed è situata sulla penisola che ne prende il nome. I motivi che l’hanno resa una delle mete preferite dai turisti stranieri sono diversi. Sorrento possiede un paesaggio in cui mare e montagna si alternano con un’armonia quasi perfetta, aggrappandosi su un costone roccioso; Sorrento è una Musa ispiratrice di sogni, di cui ci si innamora perdutamente al primo sguardo: contorni da far paura, colori mediterranei e peculiarità uniche.

Sorrento è anche ricca di cultura e storia. Basti pensare alla piazza principale, nella quale è presente la statua del poeta sorrentino Torquato Tasso, autore di molte opere, tra cui “La Gerusalemme liberata”, posta nella piazza  nel 1870 ed immersa nel verde delle aiuole davanti alle quali stazionano le “carrozzelle”, tipico mezzo di trasporto nel passato ed oggi utilizzate per le passeggiate dai turisti.

Vi è poi, alzando lo sguardo, il “Sedile di Porta” del XVI secolo, eretto presso la porta maggiore della città, che negli anni ebbe diversi utilizzi, tra cui la trasformazione  in carcere, dopo l’abolizione dei  Sedili nobiliari, e a sede del Circolo sorrentino.

Un altro spettacolo meraviglioso comincia all’angolo del Sedile inizia Via San Cesareo: la passeggiata lungo la strada consente di godere dell’atmosfera festosa che vi si respira (nel periodo natalizio, ad esempio, vengono organizzate sagre con zuppe tipiche e tombolate: la strada diventa una grande oasi di suoni, aromi e colori). Si arriva al Sedile Dominova, altro edificio che si affaccia sul largo detto “schizzariello” (con riferimento ad una fontana dalla quale “schizzava” continuamente acqua). Il sedile risale al XVI secolo ed è conservato magnificamente.

Altri luoghi d’interesse sono il Duomo, caratterizzato da una facciata neogotica; il museo Correale di Terranova, all’interno del quale si trovano reperti greci e romani, porcellane di Capodimonte e una sezione dedicata alla pittura del XVII-XIX secolo; alcune ville marittime risalenti all’epoca romana.

La tipicità di Sorrento non sta solo nella storia, ma anche nei prodotti che essa offre. Ne elenchiamo alcuni:

– Mozzarella di Agerola
– Provolone del Monaco DOP
– Olio extravergine di oliva DOP
– Pasta di Gragnano
– Limoncello
(tipico anche di Capri e della costiera amalfitana)
– Agrumi (fra cui i limoni con cui si fa il Limoncello)
– Pomodoro di Sorrento
– Noce di Sorrento

C’è il limoncello confezionato il più delle volte in bottiglie dalla forma particolare e lavorate artigianalmente. Questo viene fatto dai limoni sorrentini, uno degli agrumi più ricercati al mondo.Vanno segnalati anche altri liquori a base di agrumi e non solo, come il nocino, il mandarinetto ed il finocchietto. Come dimenticare i famosi pomodori di Sorrento, spesso accompagnati alla tipica mozzarella Sorrentina e dall’olio d’oliva locale, andando a creare la famigerata “Caprese”, piatto fresco, semplice e molto gustoso. Proprio l’olio, assieme al vino locale, è simbolo ulteriore di una terra storicamente fertile, dove si fa del cibo un’arte creativa. Per la pasticceria, rinomata è la delizia al limone, dolce tipico, dalla consistenza e dal sapore insoliti. 

Non dimentichiamo, infine, che Sorrento è una delle località balneari più quotate dai turisti: mare e spiagge meravigliose; abbiamo località come Bagni Regina, una spiaggia di scogliera rocciosa naturale a picco sul mare, situata sul capo di Sorrento. Gli scogli sono di pietra levigata e liscia. Una scalinata in legno consente l’accesso ad una piscina di acqua di mare turchese, incorniciata da pareti di roccia ricoperte di ginestre colorate. Un arco naturale permette all’acqua di riversarsi nel mare aperto di fronte alla scogliera. E poi c’è la Solara, altra località balneare raggiungibile dai Bagni Regina.

“Sorrento è una finestra aperta sul mondo” e visitarla impone necessariamente innamorarsi di lei. Quindi se siete ancora in tempo, oppure per le prossime vacanze, turisti, accorrete numerosi e visitate questo paradiso naturale.

 

 

 

 

Ho 20 anni e vorrei inserirmi nel mondo del giornalismo (mia grande passione scoperta grazie ad uno stage). Ho frequentato il liceo classico e ora sono iscritta alla facoltà di lettere classiche della Federico II di Napoli.

Commenta