Stella Cilento, un antico borgo del Cilento Antico sulle pendici orientali del Monte Stella, da assaporare lentamente, lontani dalla frenesia quotidiana

Il comune di Stella Cilento (o Stella Ciliendo, in dialetto cilentano), situato in provincia di Salerno, conta 695 abitanti al 2018, per una superficie di 14,52 km².

Posta sulle pendici orientali del Monte Stella, a 386 metri sul livello del mare, il paesino fa parte della Comunità montana Alento-Monte Stella e dell’Unione dei comuni Valle dell’Alento.
Confinante con i comuni di Casal Velino, Sessa Cilento, Omignano e Pollica, Stella Cilento è costituita dalle frazioni di Amalafede (la più piccola e la più alta, posta ai piedi del Monte Stella), Droro, Guarrazzano e San Giovanni Cilento.

Le sue origini risalgono al XIII secolo successivamente allo spostamento di alcuni abitanti di Torricelle, un antico villaggio la cui posizione è da identificare nell’attuale comune di Casal Velino, precisamente sulla collina che ancora oggi mantiene il toponimo Torricelle, “Turriceddi”.

Stella Cilento era chiamata, fino alla fine del XIX, “Porcili” poiché i suoi abitanti erano famosi per i loro allevamenti suini.
In seguito l’amministrazione modificò il nome del borgo in quello attuale, con riferimento al vicino Monte Stella.

Dal 1811 al 1860 Stella Cilento ha fatto parte del circondario di Pollica (ente amministrativo che si interpone tra provincia e mandamento), appartenente al distretto di Vallo, una delle suddivisioni amministrative del Regno delle Due Sicilie, subordinate alla provincia di Principato Citra.

Dal 1860 al 1927, durante il Regno d’Italia, ha fatto parte del mandamento di Pollica (suddivisione amministrativa sovracomunale, in una posizione intermedia tra il circondario e il comune), appartenente al circondario di Vallo della Lucania.

Oggi, a Stella Cilento, oltre che al caratteristico centro storico, si può visitare la Chiesa di San Nicola di Bari.
Una chiesa in pietra che presenta un imponente campanile, che ospita un altare maggiore risalente al 1939 e che conserva una miracolosa immagine della Madonna della Stella, rinvenuta dagli abitanti.
Questa chiesa è il fiore all’occhiello della comunità cilentana.

Nella frazione di San Giovanni Cilento invece, punto di interesse è il Palazzo Vassallo, una casa baronale dalle origini antiche, con un portale in pietra e delle torri.
Dagli abitanti è ancora chiamato “Castello”, a causa della sua posizione dominante rispetto all’abitato.

Poco distante dal Palazzo vi è la Chiesa di San Giovanni, la quale conserva degli affreschi, olio su tela, di un artista del luogo.
Sempre in questa frazione è presente uno studio d’arte per la lavorazione tradizionale dell’argilla.

A Droro, invece, è presente l’oleificio Radano che, dal 1880, produce olio pregiato; oggi ci si avvale di sistemi tecnologicamente avanzati che riescono a conservare l’alta qualità di questo prodotto.

A Stella Cilento e nelle sue frazioni, molte sono le manifestazioni suggestive che vengono organizzate: musiche, danze e prodotti cilentani si fondono in magiche atmosfere.

Oltre che le feste dei borghi, come quella del borgo di San Giovanni, tenuta in agosto, è impossibile non citare la festa del racconto, la Cuntaria, che si svolge a Stella Cilento.

Dal 2016, l’associazione “S.M.A.K” , con il patrocinio della Pro Loco e del Comune di Stella Cilento e con il sostegno di alcune associazioni del territorio cilentano, organizza Cuntaria la festa de “li cunti”.

I cunti, ossia i racconti, sono fatti di parole, gesti ed espressioni e abbracciano l’arte in tutte le sue forme.
L’arte, i racconti, i proverbi, le leggende, i canti e le danze rispolverano il passato, riattualizzano le tradizioni e le riconfermano.
Si discende nelle profondità del Cilento Antico alla riscoperta dei miti sulle proprie origini e del mondo rurale dalle antiche radici.

Un processo che è strutturante e che ha una forza evocativa ed identitaria notevole.


Un altro percorso che stimola i sensi e attraverso essi, i ricordi, si svolgerà il 15 e il 16 novembre 2019 a Stella Cilento, attraverso una manifestazione che coinvolgerà tutto il paese per raccontare come nasce l’amore per il sapore autentico del pane e olio”, un sapore che è parte dell’immaginario dell’infanzia dei cilentani.
E’ la fiera dell’olio e del mangiar sano chiamata “Ogni sapore vero ha i suoi eroi”.

Per qualsiasi informazione ci si può rivolgere allInfo Point “Cilento Antico”, sito in via Roma, a Stella Cilento,che promuove e valorizza il territorio che si estende intorno al Monte Stella; è possibile contattare il numero 342 833 4175.

 

Alla luce di tutto ciò, possiamo dunque dire che Stella Cilento è un borgo, come ogni paese del Cilento Antico, da non consumare in fretta ma da assaporare lentamente attraverso tutti i sensi, risvegliandoli.



Commenta