Estate in Campania: tra giugno e luglio c’è stato un boom di eventi e di turisti non solo nel capoluogo ma in tutta la regione.

In questa prima parte dell’estate culture differenti si sono conosciute e confrontate.

6000 giovani atleti di 118 paesi hanno partecipato alla 30° Universiade estiva che ha avuto come cerimonia di apertura un meraviglioso San Paolo, ristrutturato per l’occasione. Un Vesuvio pieno di colori ha accolto tutti gli sportivi.

Un bel colpo d’occhio, una pista di atletica curata nel minimo dettaglio e una grande organizzazione da parte di tutti i volontari che sono stati presenti ad ogni gara. Protagonista di questa Universiade non è stata solo la città di Napoli. Oltre a grandi strutture storiche come la Mostra D’oltremare, il Palavesuvio, e la piscina Scandone dove la pallanuoto maschile italiana ci ha regalato una meravigliosa medaglia d’oro, c’è stato tanto altro.

In ogni capoluogo di provincia sono state organizzate le gare delle varie discipline. Il fioretto femminile ha prevalso ancora una volta a Baronissi (Salerno), mentre sono state scelte come originali location del tiro con l’arco la Reggia di Caserta e Avellino. La città di Benevento ha preferito stregare con il calcio.

Il clima giocoso, umile e fiero di questi giovani sportivi ha portato una brezza nuova. La Campania è stata invasa da un comune sentire e ha ricambiato con altrettanto cuore.

Una sensazione di cui tutti hanno beneficiato e che continua ancora in queste sere d’estate con incontri e dibattiti su un grande attore comico come Massimo Troisi, sui ricordi di chi ha avuto la fortuna di conoscere questo uomo tanto grande quanto umile che da San Giorgio a Cremano è arrivato fino ad Hollywood.

E dall’America di rimando arrivano Woody Harrelson, Evan Peters e tanti altri per incontrare i giovani cinefili del Giffoni Film Festival.

Un’estate a gonfie vele (sul lungomare di Mergellina).

Commenta