Giovedì 14 aprile: il popolare comedian romano Francesco De Carlo porta in scena “Pensieri Stupendi”, al Teatro Nuovo di Napoli 

Dopo aver divertito gli inglesi con i suoi monologhi di stand up comedy, Francesco De Carlo, tra i protagonisti di spicco della televisione e delle radio nazionali, arriva al Teatro Nuovo di Napoli, giovedì 14 aprile 2022 alle ore 21.00, dove farà tappa con la tournèe di Pensieri Stupendi il suo ultimo spettacolo comico, composto negli anni dell’isolamento, solo in parte dovuti alla pandemia.

De Carlo, oltre a essere tra i primi comici sbarcati su Netflix con lo spettacolo Cose di questo mondo, è anche il comico italiano più internazionale, essendosi esibito in sedici paesi diversi in lingua inglese.

Il popolare comedian porta in scena il suo ultimo spettacolo per raccontare al pubblico gli effetti di questi ultimi due anni di reclusione, riflettendo sulla condizione dell’essere umano e sulla sua inevitabile, ma talvolta ironica, solitudine.

Il ruolo del comico è anche quello di trovare i tratti paradossali e divertenti in una situazione difficile come quella che abbiamo vissuto e stiamo vivendo, con un testo sulla solitudine, scritto in solitudine, che ogni tanto fa pure ridere.

Spaziando tra messaggi vocali troppo lunghi, temi di statura filosofica, coppie tradizionali e politicamente corretto, coscienza critica e pilates e mascherine e squat, De Carlo condividerà i suoi “pensieri stupendi su cose terribili”, descrivendo scene, personaggi e situazioni con il suo tipico approccio spiazzante, spontaneo e surreale.

 “È stato un periodo difficile per me – confessa – per me, e anche per il resto dell’umanità, certo. Ma che ci volete fare, sono un po’ egocentrico. Le pandemie mi distruggono”.

Ci sono persone che hanno sofferto (e stanno soffrendo) più di lui. Come i no vax, per esempio, che si sentono snocciolare quotidianamente i dati della campagna vaccinale.

Gli amici con i figli piccoli, che sono stati costretti a perdere dignità e ore di sonno pur di intrattenerli quando le scuole erano chiuse.

Non se la sono vista bene neanche i single, spaventati da una condizione che ha messo in discussione l’idea stessa di contatto fisico e messo in pericolo la sopravvivenza di un elemento fondamentale per il tessuto sentimentale della società: i trombamici. Ma il futuro che ci aspetta è sicuramente roseo, e, per quanto il mondo peggiori, ci sarà sempre più bisogno di ridere. 

Pensieri Stupendi è un percorso catartico puntellato dal linguaggio innovativo e cinico che contraddistingue Francesco De Carlo, e che, per la parentesi di due ore, farà dimenticare, con una risata, la deriva del mondo fuori dai teatri.

 

 

Commenta