Domenica 28 luglio al tramonto il Ludovico Van ospita lo ‘storytelling-concert’ di Donato Zoppo e gli Uomini Celesti: un omaggio a Lucio Battisti con aneddoti, ricordi e tanti classici battistiani reinventati in chiave rock

Nuovo appuntamento con Il Nostro Caro Lucio, lo storytelling-concert di Donato Zoppo e gli Uomini Celesti, tratto dall’omonimo libro di Zoppo pubblicato da Hoepli in occasione del ventennale della scomparsa di Lucio Battisti. Quello di Montemiletto (AV) sarà un concerto speciale, al tramonto, dalle 19.00 al Ludovico Van: le due prossime date della band saranno il 4 agosto a Venafro (IS) nel cartellone di Sonika Poietika, il 30 agosto a Piombino (LI) nel cartellone di Cover GreenIl nostro caro Lucio ha debuttato al Roccella Jazz Winter Edition (prima assoluta e produzione originale del Festival, uno dei più importanti eventi jazz in Europa), è uno show che unisce racconto, musica, riflessione e tanti classici battistiani reinventati in chiave rockDonato Zoppo e gli Uomini Celesti raccontano l’avventura di Battisti e Mogol, la musica che girava tra anni ’60 e ’70, tra boom economico, anni di piombo, vinili, sogni, speranze, drammi pubblici e privati. 


Dalla fine degli anni ’60 fino alla sua scomparsa, Lucio Battisti ha rivoluzionato la canzone italiana: l’ha aperta alle più disparate influenze straniere, prima con l’alchimia irripetibile insieme a Mogol, poi nel percorso sperimentale con Pasquale PanellaIl nostro caro Lucio – Storia, canzoni e segreti di un gigante della musica italiana, secondo libro di Zoppo dedicato a Battisti, narra l’intera storia dell’artista con curiosità, interviste e testimonianze di coloro che sono gli stati vicini e lo hanno conosciuto. Lucio Battisti si è rivelato un artista inquieto, riservato e sfuggente, che ha lasciato parlare la sua opera, tenendo pochissimi concerti, rifiutando interviste e apparizioni televisive. 



Commenta