Torna uno degli eventi culturali più importanti dell’anno: le Giornate FAI di Primavera. 600 luoghi sparpagliati in più di 300 città, 19 regioni che aderiscono. Il FAI vuole che torniamo ad esplorare, con tutta la sicurezza di cui c’è bisogno.

Fermi tutti, che forse vi organizzo il weekend. Permettetemelo, e concedetevelo. E’ da troppo che non organizziamo qualcosa, e il pensiero di un weekend all’aperto ci incute pressione. Il FAI sta provando a renderci tutto ciò più leggero.

Le Giornate FAI di Primavera sono, ormai dal lontano 1993, uno degli eventi annuali più importanti per l’Italia, poiché costituiscono occasione di scoprire arte e cultura nelle arterie ramificate del bel paese, tra comuni spesso poco considerati e bellezze nascoste. Anche quest’anno, dunque, con tutti gli accorgimenti del caso, il FAI sta riproponendo questa fondamentale iniziativa culturale, prevista proprio per questo fine settimana: Sabato 15 e Domenica 16 Maggio. Visite e percorsi che coinvolgano ogni peculiarità artistica, culturale e storica del nostro paese saranno a vostra totale disposizione.

Certo, lo so, è tutto bello, ma come si sono organizzati loro, e come ci dovremmo organizzare noi per partecipare a tutto questo? Un po’ per volta, ora vi dico tutto.

Grotta di Seiano

Anzitutto, guardiamo al nostro: com’è la situazione in Campania, e cosa prevede l’evento per noi? Saranno visitabili ben 30 luoghi sparsi nella regione, ma attenzione, poiché per accedere a queste località ci sarà bisogno di una prenotazione obbligatoria – anche e soprattutto per far fronte al numero limitato di posti disponibili per ogni luogo – entro e non oltre la mezzanotte del giorno precedente la visita, registrandosi sul sito www.giornatefai.it . Si ricorda al pubblico, inoltre, che Quest’anno i visitatori potranno sostenere la Fondazione con un contributo minimo di 3€ suggerito per prenotarsi e prendere parte alle Giornate FAI di Primavera.

Ora, però, andiamo dritti al sodo. Qui di seguito, un rapido excursus di alcuni dei punti culturali che avrete possibilità di visitare in questo fine settimana:

“Fescina”, Quarto (NA)

Si parte con la Grotta di Seiano e il Parco Archeologico del Pausilypon, tra la piana di Coroglio e la Baia di Trentaremi, partendo dalla suggestiva galleria di tufo per arrivare in uno dei paesaggi più belli del Golfo. La visita sarà guidata dai Narratori del Gruppo FAI Giovani, assieme ai Tirocinanti dell’Università degli Studi di Napoli Parthenope. Ad essere eccezionalmente aperta sarà anche la passeggiata nei Sentieri
letterari di Nisida
sulla bellissima isola vulcanica dei Campi Flegrei. E poi, ancora, a Quarto sarà possibile conoscere il monumento di età romana noto come “Fescina”, Luogo del Cuore FAI 2021 vincitore in Campania, che sorge all’interno dell’area dei Campi Flegrei nella Necropoli di Via
Brindisi. Menzione d’onore, nel napoletano, la merita la Villa Campolieto ad Ercolano.

Castelvetere sul Calore (AV)

In provincia di Avellino, invece, sarà possibile passeggiare fra le strade di
Castelvetere sul Calore con una visita che condurrà il pubblico indietro nel tempo in un borgo ricco di storia e racconti.

Ancora, appena fuori la città di Benevento si potrà partecipare al percorso naturalistico nel Parco archeologico di contrada Cellarulo nell’area che costeggia il fiume Sabato.

Un altro esempio, ‘stavolta concernente l’area di Salerno, è la sede del FAI di Salerno a Palazzo Pedace e si potrà vedere la mostra di Pietro Lista “Morandiane Arlecchine” che propone una serie di opere a china su carta realizzate appositamente per l’occasione.

Dulcis in fundo, la provincia di Caserta aprirà le porte, tra i tanti luoghi, anche del Borgo e della Torre medievale di Pietramelara, con una passeggiata che condurrà dalla grande porta di ingresso verso tanti piccoli vicoletti e stradine, fino in cima alla Torre dove si potrà ammirare la struttura circolare del borgo, oltre ai caratteristici resti delle torri medievali.

Contrada Cellarulo (BN)

Badate bene, quanto letto sopra è solo una porzione, anche abbastanza esigua, dei luoghi che saranno poi concretamente disponibili per le visite di questo weekend. Il consiglio, difatti, è quello di andare a recuperare l’intero elenco delle località al sopracitato indirizzo web www.giornatefai.it .

Insomma, lasciatemelo dire: a fronte di tutto questo, e con un pensiero sempre rivolto al cercare di garantire la sicurezza l’un dell’altro anche nei momenti più spensierati, viene da chiedersi: che facciamo nel weekend?

Commenta